FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

L'ex marito di Naya Rivera fa causa per la morte dell'attrice: "Fu omicidio colposo" 

Lʼattrice di Glee è morta per annegamento lʼ8 luglio scorso durante un'uscita in barca con il figlio di quattro anni sul lago Piru, in California

 Naya Rivera
IPA

Secondo Ryan Dorsey, ex marito di Naya Rivera, l'annegamento dell'attrice di "Glee", avvenuto lo scorso 8 luglio, sarebbe stato causato da un non adeguato avvertimento dei rischi che avrebbe potuto correre nuotando in quel lago. L'uomo, insieme agli avvocati che gestiscono il patrimonio dell'attrice, ha così intentato una causa per omicidio colposo nei confronti dell'autorità locale e dei gestori del lago a nord-ovest di Los Angeles, dove è avvenuto l'incidente.

Tra le motivazioni dell'accusa citate nella causa c'è la totale mancanza nell'area del lago di  cartelli di avvertimento relativi alle "forti correnti, alla scarsa visibilità ai forti venti e alla pericolosità del fondale.
Pare inoltre che l'imbarcazione usata dall'attrice e dal figlio non fosse dotata di alcun "meccanismo di sicurezza. Non c'erano nè una scala accessibile, nè una corda adeguata, un'ancora, una radio e nemmeno i dispositivi di galleggiamento...". 

 

L'attrice Naya Rivera, star di "Glee"


L'8 luglio Naya Rivera si era allontanata con il figlio Josey di 4 anni in barca al largo del lago Piru nella contea di Ventura. Il bambino è stato poi ritrovato solo e addormentato sull'imbarcazione alla deriva nel pomeriggio. Il corpo dell'attrice fu recuperto solo diversi giorni dopo e la sua morte dichiarata accidentale.

Secondo un rapporto investigativo i due avrebbero deciso di tuffarsi in acqua per una nuotata, ma sopraffatti dalle correnti la Rivera avrebbe usato le sue ultime forze per aiutare il figlio a salire sulla barca.

 

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali