FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il portiere azzurro Alessio Cragno nel mirino della mafia russa, ma è uno scherzo de "Le Iene"

Il calciatore rimane invischiato in un giro di calcioscommesse pericoloso

"Le Iene" hanno fatto vivere al portiere azzurro Alessio Cragno un bruttissimo incubo. Gli inviati Stefano Corti e Alessandro Onnis, con la complicità del capitano del Cagliari Joao Pedro e dell'attaccante Leonardo Pavoletti lo coinvolgo in giro di calcio scommesse gestito dalla mafia russa e dal pericoloso boss Vladimir. Intrappolato in un loft. avrà solo un minuto per capire come salvarsi la pelle...

Pedro e Pavoletti. compagni di squadra di Cragno, lo invitano a cena per una serata tra amici. Tra una chiacchiera e l'altra gli svelano come poter fare soldi in fretta, grazie a un "tifoso" speciale. Sentendo odore di reato, Cragno rifiuta e invita anche gli amici a tirarsene fuori al più presto: "Io non giudico nessuno, ma non voglio farlo. Se fossi in te gli direi di non cercarmi più. Tu dormi sereno la notte?".

 

I compagni però non si fanno convincere e dopo cena lo portano nel loft del loro potente amico: il boss russo Vladimir. Il portiere cerca in tutti i modi di uscire dalla tana del lupo, ma la situazione è grave. "Il tuo amico ha qualche problema, devi aiutarlo tu", gli dice con fare minaccioso l'uomo.

 

"Mi ha fatto perdere una montagna di soldi e mi ha detto che risolvi tutto tu". Dall'altra stanza, intanto, gli amici fingono di venire pestati dai bodyguard e Cragno si trova di fronte a un bivio: deciderà di vendersi per salvare i compagni o avrà il coraggio di rifiutare l'offerta?

Ti potrebbe interessare:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali