FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

I Simpson fanno sparire lʼepisodio con Michael Jackson

La decisione in seguito allʼuscita del discusso documentario "Leaving Neverland"

I Simpson fanno sparire l'episodio con Michael Jackson

Continuano a farsi sentire gli effetti di "Leaving Neverland", il discusso documentario di Dan Reed in cui due presunte vittime accusano Michael Jackson di averli molestati da bambini. Dopo la Bbc, che avrebbe messo al bando le sue canzoni, ora a prendere le distanze dal Re del Pop sono i Simpson. La produzione ha infatti deciso di far sparire dalla circolazione l'episodio "Stark Raving Dad", a cui partecipò nel 1991 proprio Jacko.

Il produttore dei "Simpson" James L. Brooks ha dichiarato a "The Wall Street Journal" che lui e altri due creatori della serie hanno deciso di rimuovere l'episodio con Michael Jackson, dopo aver visto "Leaving Neverland". "I ragazzi con cui lavoro, e con cui ho passato anni a scrivere battute e scherzi, erano tutti della stessa opinione. Era chiaramente l'unica cosa da fare" ha spiegato Brooks.

Nell'episodio in questione ("Stark Raving Dad", andato in onda nel 1991 all'inizio della terza stagione) Homer incontra in una clinica psichiatrica Leon Kompowsky, un uomo convinto di essere il re del pop. Fu proprio Michael Jackson a doppiare il personaggio, sotto lo pseudonimo di John Jay Smith.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali