FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Whitney Houston torna in tour... grazie al suo ologramma

Anche la cantante scomparsa nel 2012 sarà protagonista di nuovo spettacoli grazie alla moderna tecnologia

Ormai la morte non è più un ostacolo per proseguire la carriera. Anche Whitney Houston tornerà a essere protagonista di una serie di concerti live grazie al suo ologramma. La replica digitale della diva intonerà brani celebri come "I Will Always Love You" e "I Wanna Dance With Somebody (Who Loves Me)" con l'appoggio della band originale e dei cantanti di back-up tra cui il fratello Gary.

D'altro canto Whitney è solo l'ultima in ordine di tempo a essere tornata grazie a un ologramma. Prima di lei ci sono stati Tupac, Maria Callas, Roy Orbison, Ronnie James Dio e Frank Zappa. Il progetto è frutto di un accordo tra gli eredi della Houston, che è morta nel 2012, e Primary Wave, una societa' specializzata nel marketing di brani classici. Finora Pat Houston, la moglie di Gary e l'esecutrice testamentaria della cantante, aveva respinto ogni offerta di commercializzare il successo della cognata, ma ora ha cambiato idea. Oltre al tour dell'ologramma sono in cantiere un musical a Broadway, uno spettacolo in stile Las Vegas e un album di brani ancora inediti i cui diritti sono ancora in mano alla Sony: tutto con l'obiettivo di risvegliare il potenziale commerciale di un brand celebre rimasto "in sonno".

"E' una questione di tempi. Per gli ultimi sette anni è stato difficile - ha detto Pat Houston, che per anni è stata anche la manager della cantante, al "New York Times" -. Ora è l'ora di essere strategici". In base all'accordo, Primary Wave acquisterà dagli eredi il 50 per cento degli asset che comprendono diritti d'autore di film e musica e il diritto a sfruttare il nome e l'immagine. Un ologramma della diva doveva già debuttare nel 2016 in duetto con Christina Aguilera, ma gli eredi all'ultimo momento avevano fatto marcia indietro: non era ancora all'altezza.

Whitney morì nel 2012, annegata nella vasca da bagno dell'albergo in cui alloggiava. Una fine triste dopo un periodo caratterizzato da problemi personali e dipendenze da sostanze stupefacenti. "Prima che morisse, c'è state troppa negativita' attorno al suo nome. Non si parlava più della musica, gli scandali personali ne avevano oscurato la legacy e la gente ha dimenticato come era grande", ha detto la Houston. Beneficiari dell'accordo sono oltre a lei, la madre di Whitney, Cissy, e i due fratelli Gary e Michael.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE