FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Thierry Fremaux boccia Cannes in digitale: "Il Festival non diventerà un evento online"

In unʼintervista a Variety il direttore della kermesse francese esclude unʼedizione tutta a distanza

Festival del cinema online nel caso perdurasse la crisi legata all’epidemia di coronavirus? Impossibile. Dopo il no categorico di Alberto Barbera per Venezia, anche Thierry Fremaux ha smentito nettamente questa possibilità per Cannes. In un'intervista su Variety il direttore del festival francese ha detto: "Per quanto riguarda Cannes, per la sua anima, la sua storia, la sua efficenza, è un modello che non funzionerebbe. Cos'è un festival digitale? Una competizione digitale? Dovremmo iniziare a chiedere ai detentori dei diritti se sono d'accordo," ha messo in chiaro.

"I film di Wes Anderson o Paul Verhoeven su un computer? Scoprire 'Top Gun 2' o 'Soul' della Pixar in un posto che non è un cinema? L'uscita di questi film è stata rimandata per essere proiettata sul grande schermo; perché dovremmo volerli mostrare su un dispositivo digitale?" ha detto il direttore artistico riferendosi ad alcuni dei film previsti per l'edizione 2020.

 

Un'edizione che era prevista per maggio e al momento, secondo alcune ipotesi, potrebbe slittare tra la fine giugno e l'inizio di luglio. Per Fremaux il Festival è un posto dove i registi: "vogliono mostrare i propri film sul grande schermo per condividerli con altri e non per lasciare che i loro lavori finiscano sullo schermo di un iPhone".

 

Il direttore ha proseguito spiegando: "Se tutti i festival venissero cancellati, dobbiamo pensare a un modo di mostrare i film e non sprecare l'annata, ma non credo che una precaria e improvvisata edizione alternativa di Cannes o Venezia possa essere la soluzione".

 

Coronavirus, un robot per le strade di Pechino per misurare la temperatura

Nella lotta al contagio da coronavirus, anche la tecnologia fa la sua parte. E dopo le app sugli smartphone per controllare gli spostamenti dei contagiati, a Pechino arriva un mini robot. E' un veicolo comandato a distanza che rivela la temperatura delle persone e trasmette, alle forze dell'ordine cinesi e in tempo reale, i dati. 



TI POTREBBERO INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali