FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, stop al Festival di Cannes: rimandato (forse) all'estate. Spike Lee: "La gente muore, non è un film"

La kermesse si sarebbe dovuta tenere dal 12 al 23 maggio

L'organizzazione del Festival del Cinema di Cannes ha annunciato che la kermesse, che doveva svolgersi dal 12 al 23 maggio, è stata rinviata a causa dell'epidemia di coronavirus. "Non appena l'evoluzione della situazione sanitaria francese e internazionale ci permetterà di valutare quali siano le effettive possibilità, renderemo note le nostre decisioni", si legge in un comunicato.  Il presidente di giuria Spike Lee: "Sono d'accordo al 100 per cento. Non è un film, la gente muore".

Spike Lee: “Non è un film, la gente muore”
"Sono d'accordo al 100 per cento con la decisione di Thierry Fremaux di far slittare il Festival di Cannes. Il mondo è cambiato e lo fa ogni giorno. La gente muore con il coronavirus e così, non a caso, il presidente francese ha detto più volte che siamo come in guerra. Le cose che amiamo hanno dovuto fare un passo indietro: ovvero il cinema, la tv, lo sport e uno sport globale come il baseball". Questo il commento di Spike Lee, presidente di giuria dell'edizione 2020 della manifestazione prevista dall'11 al 23 maggio e che dovrebbe slittare a fine giugno, inizio luglio. 


"Non dimentichiamoci che Cannes è il più grande festival del mondo, il più grande palcoscenico per il cinema. Tutti dobbiamo pregare per uscirne, trovando un vaccino per poi rialzarci, fisicamente, emotivamente e finanziariamente, in tutto il mondo. Non è uno scherzo, non è un film, la gente sta morendo". 
 

Le ipotesi

"Le ipotesi al vaglio sono numerose ma la principale sarebbe un semplice rinvio tra fine giugno e inizio luglio 2020", si legge nel comunicato pubblicato sul sito del Festival, dove si legge anche: "Nel frattempo, il Festival di Cannes presta il suo supporto vocale a tutti coloro che invitano fermamente tutti a rispettare il blocco generale e chiedono di mostrare solidarietà in questi tempi difficili per il mondo intero".

 

 

E se Cannes si ferma, non va meglio negli altri settori dello spettacolo: ferme le sale, fermi i set, titoli in pending (ossia senza data), come si organizza il futuro? Il festival di Cannes, che muove affari incredibili con il Marche' du Film, con l'industria delle star e del 'cineturismo' con tutto l'indotto nella regione, è in pieno tsunami e lo stop provoca un effetto domino sugli altri festival, primo fra tutti Venezia, le cui date quest'anno dal 2 al 12 settembre sembrano per ora mettere al riparo la Mostra. "Noi lavoriamo alla selezione come un'annata normale, per quanto consapevoli di quello che ci accade. Da qui a settembre immaginiamo non solo per noi festival ma per il cinema e il mondo che il virus sia regredito", dice all'ANSA il direttore Alberto Barbera. La selezione potrebbe essere ben ricca, magari con i titoli pronti per Cannes e costretti allo stop e sembra che molti produttori, per quanto Fremaux li stia tenendo a bagnomaria, si stiano gia' facendo avanti in questo senso vista l'aria che tira. 

 

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali