FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rivincita per Ashley Judd contro Weinstein: ora può fargli causa per molestie

Lʼattrice ottiene il via libera a procedere, vincendo in appello: annullata così la sentenza di un tribunale di grado inferiore che aveva respinto la sua richiesta

I giudici della corte d'appello hanno accolto il ricorso di Ashley Judd che può portare avanti una causa per molestie sessuali contro Harvey Weinstein, già condannato a New York nei mesi scorsi. E' stata così annullata la sentenza di un tribunale di grado inferiore, che aveva respinto la sua richiesta, nel procedimento avanzato dall'attrice nell’aprile 2018.

LEGGI ANCHE > Harvey Weinstein condannato, le accusatrici esultano | Asia Argento: "Giustizia, credete alle donne"

 

Nella sua denuncia originale, l'attrice affermava di aver perso numerose opportunità lavorative dopo aver rifiutato le avance del magnate durante un incontro al Peninsula Hotel di Beverly Hills nella metà degli anni 90: l'ex boss di Miramax la adescò nella sua stanza d'albergo per chiederle poi di stare a guardarlo mentre faceva la doccia e aver poi tentato di farle un massaggio. L'attrice aveva raccontato che a seguito del suo rifiuto, il produttore era riuscito a metterla all'indice a Hollywood. Ad esempio aver perso una parte ne "Il Signore degli Anelli" dato che Weinstein aveva detto al regista Peter Jackson che era difficile lavorare con lei. 

 

Ora, i tre giudici del Nono circuito della Corte d’appello hanno rovesciato la decisione della corte precedente, che aveva dato torto alla Judd sulla base del fatto che all’epoca non era dipendente di Weinstein, decretando quindi che il produttore aveva comunque un grande potere sulla sua carriera nel mondo dello spettacolo.

 

Secondo il giudice Mary H. Murguia c'era "uno squilibrio di potere intrinseco" tra i due. "Weinstein si trovava in una posizione unica per esercitare la coercizione o fare leva su Judd in virtù della sua posizione professionale e dell'influenza di grande produttore di Hollywood. Pertanto, il tribunale distrettuale ha commesso un errore quando ha respinto la richiesta di Judd di una causa per molestie sessuali".

 

"È una vittoria importante, non solo per la signorina Judd, ma per tutte le vittime di molestie sessuali nelle loro relazioni professionali", ha dichiarato l’avvocato dell’attrice. Il legale di Weinstein ha ribattuto: "Ci aspettiamo che la verità verrà a galla nel processo. Il signor Weinstein non fece alcuna rappresaglia, anzi, sostenne il suo lavoro e approvò la sua scelta in un paio di film".



TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali