FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Per i Rolling Stones il tempo sembra essersi fermato: i 60mila di San Siro in delirio

Unica data italiana per la storica band inglese che, senza cedimenti, ha offerto una scaletta di una ventina di brani conquistando il pubblico milanese


Milano: 60, 78, 75.

Non sono numeri usciti sulla ruota del lotto ma rispettivamente gli anni di carriera dei

Rolling Stones

, le età di

Mick Jagger

e

Keith Richards

e quella di

Ron Wood

. Numeri che sembrerebbero fare a pugni con il concetto di rocker. Ma la band con quel diavolo che spesso ha fatto capolino nelle sue canzoni pare aver fatto un patto davvero proficuo e così ancora una volta ha conquistato

San Siro

senza mostrare cedimenti. L'unica tappa italiana del "

Sixty Tour

" è stata un vero trionfo, con Jagger sugli scudi a cantare una ventina di brani saltando e muovendosi come un ventenne in barba all'età e al Covid contratto pochi giorni fa.

 



 


Un concerto dal sapore particolare. Perché potrebbe essere l'ultimo sul suolo italiano di questa band che ha fatto la storia del rock, e perché è stato il primo senza il batterista

Charlie Watts

, scomparso nell'agosto 2021. E lo show si è aperto proprio con un video omaggio a Watts. "Questo è il nostro primo tour senza Charlie e ci manca tantissimo" ha detto in italiano Jagger prima di dare il via alla carrellata di canzoni. Ad aprire la scaletta, dopo la voce fuori campo che annunciava al pubblico "Ladies and gentlemen The Rolling Stones", è stata la storica "

Street Fighting Man

", dall'album "Beggars Banquet", datato 1968, considerata la canzone più politica del gruppo.


 


"Ciao Milano, come va? Che bello tornare qui". Sono state queste le prime parole in italiano di Jagger prima di intonare "

19th nervous Breakdown

", anno 1966. E' su "

Out of Time

" che San Siro si è fatta un'unica voce. "Siete famosi per il canto, adesso tocca a voi" l'invito della voce degli Stones per "

Wild Horses

": il Meazza si è quindi acceso di luci, mentre iniziavano a cadere le prime gocce di pioggia. San Siro, istigato da Jagger che imbraccia la chitarra, è diventato poi un gigantesco karaoke per "

You Can't Always Get What You Want"

, mentre ha ascoltato assorto la più contemplativa "

Living in a Ghost Town

", il brano scritto in piena pandemia, che Jagger ha accompagnato con l'armonica. "Che bello essere di nuovo qui, anche se è più caldo del quinto girone dell'inferno" ha detto ancora Jagger, presentando poi tutta la band, salutata da fragorosi applausi.


 



 


E' tocca topoi a Richards tirare fuori la voce per "

You Got the Silver

", brano del 1969 di cui è da poco uscita una cover di Cat Power, e "

Connection

" del 1967. Il tempo di un cambio di abito per mister Jagger e via alla cavalcata finale, un'infilata di pezzi da novanta, da "

Miss You

" a "

Paint it Black

", da "

Sympathy for the Devil

" a "

Jumpin' Jack Flash

", passando per "

Midnight Rambler

" e "

Start Me Up

", mentre sui tre maxi schermi incastonati nella gigantesca scenografia a strisce rosse e gialle, simili a fiamme, rimbalzavano le immagini della band e alcuni video. Prima dei bis Jagger ha ringraziato il pubblico ricordando come "55 anni fa abbiamo fatto il nostro primo concerto in Italia, grazie di essere ancora qui con noi".


 


Rolling Stones in concerto a Milano, fan in delirio


 


Nell'attesa degli encore, la linguaccia della band si è tinta nei colori dell'Ucraina, richiamati anche dal look di Keith Richards, con cappellino giallo e camicia azzurra. Con le incendiarie "

Gimme Shelter

", accompagnata dalle immagini di palazzi bombardati, ulteriore richiamo alla guerra e cantata insieme alla corista, e "

(I Can't Get No) Satisfaction

", il rito si è compiuto.

Prossima tappa ad Hyde Park

, a Londra, il 25 giugno.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali