AVEVA 75 ANNI

E' morta Shelley Duvall, l'iconica Wendy di "Shining"

A causare il decesso alcune complicazioni legate al diabete. Aveva lavorato anche con Robert Altman e Woody Allen

11 Lug 2024 - 18:40
 © IPA

© IPA

Shelley Duvall è morta a 75 anni, a causa di alcune complicazioni legate al diabete. Ad annunciaerne il decesso il compagno Dan Gilroy. L'attrice era diventata celebre in tutto il mondo per aver interpretato l'indifesa Wendy in "Shining" di Stanley Kubrick. La Duvall nella sua carriera aveva lavorato anche con Robert Altam per "3 donne", ruolo che le valse il titolo di miglior attrice a Cannes nel 1977 e con Woody Allen.

Morta Shelley Duvall: eccola sul set di "Shining"

1 di 8
© IPA © IPA © IPA © IPA

© IPA

© IPA

Shelley Duval e la collaborazione con Robert Altman

  La Duvall esordì sul grande schermo con Robert Altman, che la scelse per "Anche gli uccelli uccidono" nel 1970. I due collaborarono negli anni successivi per "I compari", "Gang" e "Nashville". Bellezza fuori da ogni schema, con i suoi occhi grandi e strabuzzati, venne scelta come co-protagonista da Altman per il film "3 donne", che nel 1977 le fece guadagnare il premio come miglior attrice al Festival di Cannes e una nomination ai BAFTA. Sempre nel 1977 ottenne il ruolo di giornalista di Rolling Stone in "Io e Annie" di Woody Allen. Sul set incontrò Paul Simon, con cui si frequentò per due anni.

Shelley Duvall e le riprese da incubo per "Shining"

  La sua inquietante interpretazione di un'operatrice termale in "3 donne" la fece notare da Kubrick, che la scritturò per il ruolo di Wendy Torrance in "Shining" (1980), al fianco di Jack Nicholson. Quella sul set di Kubrick fu un'esperienza estenuante per l'attrice. Le riprese durarono infatti più di un anno di riprese e, per tutto il tempo, il regista spinse la Duvall al limite e la costrinse a ripetere le scene centinaia di volte. La sequenza del baseball è inoltre finita nel Guinness dei primati per il maggior numero di ciak per una scena con dialoghi. L'esperienza le causò anche problemi mentali, come confessò l'attrice molti anni più tardi. Nello stesso anni Duvall ritornò a lavorare anche per Altman in "Braccio di Ferro", dove interpretò Olivia.

Il ritiro dalle scene di Shelley Duvall nel 2002

 Durante gli anni '80, Duvall produsse una serie di spettacoli per bambini basati su storie classiche, con la collaborazione di registi importanti tra cui Tim Burton, Francis Ford Coppola e Ivan Passer.  Dopo un piccolo ruolo nel film indipendente del 2002 "Manna from Heaven", l'attrice si prese una lunga pausa dalla recitazione e dalla vita pubblica. Nel 2023 tornò a recitare per l'ultima volta in "The Forest Hills", un film horror-thriller indipendente scritto e diretto da Scott Goldberg.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri