FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mogol: "La musica farà fatica a ripartire, per ora resto a casa e creo oli antivirali"

Il presidente Siae fa un bilancio della situazione e annuncia grandi cambiamenti

mogol

"Con il consiglio di gestione stiamo prendendo decisioni importanti. Avremo decurtazioni dell'80% sui diritti d'autore, in generale faremo fatica a rimetterci in piedi". Così il presidente della Siae Mogol traccia un quadro della situazione. Dall'Umbria, dove sta trascorrendo la quarantena crea oli antivirali: "Sono in contatto con alcuni professori del policlinico Gemelli di Roma, per fare delle prove sul Covid-19".

Leggi anche>Siae istituisce un fondo di solidarietà da 110 milioni di euro

 

La Siae ha quindi precisato che i mancati incassi di diritto d'autore per il 2020 si stimano in 200 milioni di euro. E per questo il Consiglio di gestione interverrà a più livelli.


"SIAMO ITALIANI, SAPREMO RISOLLEVARCI" - Il paroliere ha rilasciato un'intervista l'ANSA dal Centro Europeo di Toscolano, la sua scuola immersa nella campagna umbra.  "Stiamo sostenendo gli associati - spiega Mogol - anticipando loro i soldi, poi detratti in più anni, oltre che attraverso 2.500 pacchi alimentari. Il coronavirus è un guaio grosso, però noi italiani abbiamo il genio e sapremo risollevarci".

 

"VIVO IN UNA ZONA ISOLATA, MA NON ESCO" - "Vivo in una zona abbastanza protetta, dove si sono registrati pochi casi di coronavirus, e ho la fortuna di stare in mezzo alla campagna, completamente isolato. Ma non esco di casa, bisogna stare attenti ed essere rigorosi nelle precauzioni, perché questo virus non perdona", continua, parlando nel comune di Avigliano Umbro, dove sta trascorrendo la sua quarantena.

 

"HO REGALATO 2500 MASCHERINE AL COMUNE" - Per testimoniare il suo legame con il territorio  ha deciso di contribuire, insieme ad un medico del posto, all'acquisto delle circa 2.500 mascherine che il sindaco di Avigliano, Luciano Conti, ha stabilito vengano distribuite a tutti i residenti. "Insieme alla mia famiglia ci è sembrato il gesto più utile per aiutare in modo rapido e concreto la comunità", commenta Mogol.

 

Il Getty Museum di Los Angeles lancia la challenge "Ricrea l'arte in casa": ed è un successo

In tempi di isolamento il Getty Museum invita a stimolare la vena artistica attraverso la ricreazione di opere famose improvvisando con gli oggetti che ognuno ha a disposizione in casa. Le regole sono semplici, basta scegliere un'opera d'arte, andare alla ricerca di tre oggetti in giro per casa, usarli per ricreare l'opera. I migliori lavori sono stati condivisi dal museo di Los Angeles su social media. Tra i più originali c'è una rivisitazione della Madonna con Bambino del pittore anonimo italiano cosiddetto Maestro della Santa Cecilia. Al posto della Madonna una donna con una tovaglia in testa che tiene in braccio il suo cane invece del bambinello. Un'altra persona ha ricreato l'opera del Pontormo, ritratto di un Alabardiere, al posto di un giovane ragazzo che si appoggia all'asta dell'alabarda c'è una giovane donna con in mano quella che sembra una mazza da hockey. Alcune reinterpretazioni di nature morte sono state realizzate con formaggi, cibo in scatola e bottiglie di olio di oliva.
 

 

"CREO OLI ESSENZIALI CONTRO IL COVID-19" - Dall'Umbria Mogol guarda a distanza l'emergenza che sta vivendo la sua città di origine, Milano: "I miei figli sono lì e sono tutti tappati in casa coscienti che si rischia la vita. Anche i giovani muoiono". Chiuse tutte le attività del Centro europeo di Toscolano a data da destinarsi, nonostante i progetti importanti in cantiere, nell'isolamento umbro l'autore si occupa della creazione di oli essenziali antivirali. "Sono 20 anni che li uso. Io creo le formule e una signora del posto li miscela, ora sono in contatto con alcuni professori del policlinico Gemelli per fare delle prove anche sul Covid-19".
 

IL SUO INNO PER I MEDICI - Infine sul testo dell'inno dei medici, adattato alle note de 'Il mio canto libero', per la Federazione italiana delle società medico scientifiche, spiega: "L'ho scritto in un quarto d'ora, credo che dica cio' che vorremo dire tutti noi ai medici: grazie". 

 

Ti potrebbe interessare:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali