FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Johnny Depp vs Amber Heard, il peggio di un matrimonio da incubo: violenze, liti e cannabis alla figlia minorenne

A Londra lʼattore hollywoodiano sul banco dei testimoni nella causa contro il tabloid inglese "The Sun"

Violenza, droga, alcol. Davanti all’Alta Corte di Londra, per il primo giorno di udienza, Johnny Depp (57 anni) sale sul banco dei testimoni nella causa da lui intentata contro il tabloid "The Sun" e racconta la sua verità, svelando demoni nascosti: "Non colpirei mai una donna, in nessuna circostanza. F parte del mio codice morale. Lo trovo semplicemente inconcepibile e non accadrà mai...", ha ribadito la star hollywoodiana.

Johnny Depp al processo contro "The Sun": "mascherato" con la bandana nera da Jack Sparrow 


Lui mascherato con una bandana nera alla Jack Sparrow, lei con un fazzoletto rosso a pois sul volto. Johnny Depp e Amber Heard sono arrivati così al Tribunale di Londra per affrontarsi durante la ripresa del processo per diffamazione di Depp contro il tabloid "The Sun", che lo aveva definito un "picchiatore di mogli", dopo il turbolento divorzio dall’attrice. La Heard si è presentata mano nella mano con con sua sorella, Whitney e l'attuale fidanzata Bianca Butti.
La star di "Pirati dei Caraibi", 57 anni trascorrerà tre giorni al banco dei testimoni per convincere i giudici sull'infondatezza delle accuse contro di lui. Al processo potrebbero comparire anche le ex di Depp: Vanessa Paradis e Winona Ryder che lo hanno sempre difeso.
 

 

Per tre giorni Depp potrà difendersi dall’accusa di violenza coniugale. Il dibattimento sarà celebrato “a scaglioni” in 5 aule della Royal Court Of Justice per rispettare il distanziamento sociale e durerà circa tre settimane.

Nel 2018, poco dopo il divorzio tra l'attore e Amber Heard "The Sun" etichettò Capitain Jack Sparrow come un "picchiatore di mogli". Ed è proprio per demolire definitivamente questa "falsa definizione" che l'ex Pirata è salito sul banco dei testimoni: "Non sono stato io a far violenza contro Amber, ma lei".

 

Johnny Depp tra fascino "piratesco" e trasgressione

 

"The Sun" presenta subito un video che mostra Depp furioso mentre lancia oggetti e distrugge la cucina in presenza dell'ex moglie. Lui si difende, ammette i suoi momenti di rabbia, ma nega di aver mai colpito Amber. Poi si sfoga e racconta l'origine di tanta furia ricordando la sua infanzia e la sua giovinezza: "Dai 14 anni in poi ho preso ogni tipo di droga". Sollecitato dall'avvocato del tabloid inglese, che gli chiede delle sue dipendenze da ragazzino, Depp svela: "Ero molto giovane. Non era un momento particolarmente stabile della mia vita famigliare. Mia madre mi chiedeva di andare a prendere le sue pillole per i nervi. Avevo circa 11 anni... Quelle pastiglie la calmavano e così cominciai a prenderle anch'io. Il mio uso di droghe è cominciato così. Scoprii presto che droga e alcol erano le uniche cose che mi facevano tenere sotto controllo il dolore e la rabbia". Poi l'attore svela di aver fornito marijuana alla figlia Lily-Rose quando lei aveva solo 13 anni: "Era andata ad una festa e aveva fumato cannabis che le era stata data da qualcun altro, così d'accordo con Vanessa (Paradis, sua moglie in quel periodo e madre della ragazza, ndr) abbiamo deciso che se Lily-Rose voleva fumare era meglio se fossimo noi a fornirle marijuana controllata...".


Quindi la star di "Pirati dei Caraibi" rammenta a sua difesa tutte le angherie subite dall'ex moglie, che, mascherata come lui è in galleria a seguire il processo, in cui non è però direttamente parte in causa.

"Ho deciso di divorziare alla fine di una lunga serie di attacchi subiti, quando Amber e alcuni suoi amici hanno defecato nel nostro letto”. E definisce l’ex moglie una “sociopatica narcisista” e aggressiva nei suoi confronti: "Oggi sono convinto che sia entrata nella mia vita per portarmi via tutto ciò che aveva valore e distruggerne i resti".
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali