FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il weekend di Ferragosto al cinema? E' horror con il nuovo film di Jordan Peele

In sala arriva "Nope", dal regista di "Get Out", che mischia fantascienza, western e un forte vena antirazzista

IPA

A ridosso del weekend di Ferragosto è arrivato nelle sale italiane "Nope", il nuovo film di Jordan Peele, premio Oscar per la sceneggiatura con "Get Out" che nel 2018 fece incetta di candidature e premi tra Golden Globe e l'Academy.

Il film è uno strano oggetto cinematografico che potrebbe diventare anche in Europa la sorpresa dell'estate: cinema d'autore in cui Peele mescola temi della cultura americana, dal western all'horror, dalla ferita razziale alla fantascienza. In più ricorda la gloriosa generazione di George Romero, John Carpenter, Joe Dante e del primo Sam Raimi, tra libertà creativa, ambizioso sottotesto ideologico e ribellismo anticonformista degli anni 70 di Hollywood.

 


"Nope", le immagini del nuovo film di Jordan Peele


 



 


Fin dagli esordi e qui nel suo terzo film, Jordan Peele aggiunge "il suo ingrediente": 

una forte vena identitaria e antirazzista

facendo del britannico Daniel Kaluunya il suo alterego sullo schermo. Cosi si capisce bene che la cosa paradossalmente meno importante del nuovo film è proprio la trama: Oj ed Em (

Daniel Kaluuya e Keke Palmer

) sono fratello e sorella e vivono allevando cavalli in una sperduta gola della California. Lui sogna un ranch di famiglia, soprattutto dopo che il padre muore misteriosamente, colpito da un oggetto piovuto dal cielo. Em invece si immagina già ad Hollywood, futura reginetta del cinema. Invece gli affari di famiglia vanno male, i cavalli sono inquieti e spariscono nel nulla uno alla volta. Pian piano cominciano a credere che il fenomeno abbia a che fare con gli alieni e che faranno fortuna immortalandone la presenza. In effetti una strana e immobile nuvola li sovrasta dal cielo.


 


Il film usa effetti speciali e spaventi per far entrare nell'inconscio degli spettatori un allarme anche più minaccioso: è sempre bene guardare ciò che non capiamo fino in fondo? Cosa vuol dire guardare? Insomma "Nope" può essere letto come una spettacolare metafora sul senso del cinema e sul nostro vivere immersi nella società delle immagini.


 


In più, vista l'etnia dei protagonisti si può anche pensare a un nuovo capitolo di quella saga dedicata al riscatto afroamericano che Jordan Peele ha avviato con "Get Out" e sviluppato con "Noi" del 2019. Non sarà un caso che Oj abbia tra i suoi antenati il fantino di colore ripreso da Eadweard Muybridge nel 1878, il vero antenato del cinema come lo conosciamo.


"Nope", le immagini del nuovo film di Jordan Peele


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali