FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fabio Camilli è figlio di Domenico Modugno: la Cassazione mette la parola fine a 18 anni di battaglie legali

Lʼattore è nato nel 1962 dalla relazione del cantautore con Maurizia Calì

A pochi giorni dal venticinquesimo anniversario della morte di Domenico Modugno, la I sezione civile della Corte Suprema di Cassazione ha messo la parola fine a 18 anni di battaglie legali riconoscendo Fabio Camilli figlio legittimo del Mimmo nazionale. "Ho dovuto fare una battaglia per poter affermare chi era mio padre. È stato un viaggio faticoso ed estenuante", ha dichiarato all'Ansa l'attore.

Fabio è figlio della ballerina, coreografa e regista triestina Maurizia Calì, la "bellissima Kalì" di "Pasqualino Maragià" uno dei numerosi successi di Modugno. La sua battaglia legale è durata circa 18 anni e il verdetto sull'accertamento di paternità era avvenuto nella prima fase tramite il Tribunale di Roma il 22 gennaio 2014, successivamente alla decisione della Cassazione che, il 14 gennaio dello stesso anno, aveva convalidato il disconoscimento di paternità del genitore "legittimo" di Camilli, Romano Camilli.

"Il procedimento di riconoscimento di paternità della durata media di 4-5 anni si è trasformato per me in un percorso a ostacoli lungo 18 anni. Comunque ce l'ho fatta, è finita. Sono molte le persone che dovrò ringraziare per essermi state vicine in questi anni", ha aggiunto l'uomo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali