FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ennio Morricone, il maestro delle colonne sonore compie 90 anni

Premio Oscar alla carriera nel 2007 ha scritto le più belle musiche per il cinema: da "Cʼera una volta il West" a "Mission"

Colonne sonore indimenticabili da "C'era una volta il West" a "Mission" e un premio Oscar alla carriera nel 2007 consegnato da Clint Eastwood "per i suoi magnifici contributi nell'arte della musica da film". Una vita in musica quella del maestro Ennio Morricone che - sabato 10 novembre - compie 90 anni. Memorabile il sodalizio artistico con il regista Sergio Leone, dal quale nascono colonne sonore passate alla storia.

Ennio Morricone, 90 anni per la musica

"Sono molto imbarazzato e commosso per questi festeggiamenti. Se continuo a parlare mi metto a piangere. Sono un compositore come tanti altri, qualcosa mi è andata bene e qualcosa meno bene. Ho fatto di tutto per fare bene, qualche volta il regista non era contento. Raramente, per fortuna, non lo erano. Ce ne sono stati solo due, un americano e un italiano", ha detto Morricone durante i festeggiamenti anticipati del suo compleanno organizzati dall'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Per rendergli omaggio, anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha assistito al concerto.

 

"Questo mio lavoro in genere è nascosto. Il lavoro del compositore esiste solo se qualcuno suona le sue musiche e le ascolta", ha proseguito Ennio. Aver firmato le musiche per circa 500 film gli ha dato fama e gloria, eppure dalle parole del grande autore traspare il rammarico per non veder apprezzate allo stesso modo le composizioni scritte al di fuori del cinema: "Spero che vengano eseguite un po' di più anche se quando uno muore in genere accade il contrario. Molti compositori mi hanno perdonato il 'peccato', ma io all'inizio mi vergognavo di scrivere per il cinema. L'ho tenuto nascosto a lungo".

 

Il maestro, che nel 2019 sarà di nuovo in tour, dove trova l'energia? "Mi piace tanto scrivere. E' l'unica cosa che so fare. Per i miei cento anni non so che cosa farò. Spero che il pubblico continui ad amarmi. Ogni film ha un giudizio diverso, il prossimo potrebbe essere una catastrofe per me come compositore. E quindi il pubblico potrebbe dire: ma chi è questo? L'esame si fa ogni volta". Il maestro dimostra di vivere serenamente questo traguardo speciale: "Non ho rimpianti. E' andata bene".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE