FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

All'asta da Christie's il mondo di Elton John: abiti di scena, cimeli e arredi

I pezzi vengono dall'attico di Atlanta che la star britannica ha venduto l'anno scorso

Fotogallery - Il mondo di Elton John all’asta da Christie’s

Christie's ricrea a New York il mondo di Elton John.

Il 76enne cantante britannico ha smobilitato la sua casa di Atlanta e molti cimeli saranno messi all'asta in otto sessioni, precedute, a partire dal 9 febbraio, da una mostra immersiva nei saloni del Rockefeller Center.

 

 

All'asta da Christie's il mondo di Elton John: abiti di scena, cimeli e arredi - foto 1
Tgcom24

 

Dalla casa di Atlanta

  Elton John ha venduto l'attico al 36esimo piano di Peachtree Road di Atlanta l'anno scorso per oltre sette milioni di dollari e questo ha dato al cantante e al marito David Furnish l'opportunità di consolidare le loro raccolte. Ed ecco dunque che le gallerie di Christie's saranno trasformate per consentire al visitatore uno spiraglio sulla vita di uno dei musicisti più influenti del Novecento attraverso fotografie, opere d'arte, abiti e costumi: in tutto novecento cimeli con una stima complessiva di dieci milioni di dollari che permetteranno di intravedere la visione eclettica e il gusto del personaggio.

 

Elton John e Atlanta

  Atlanta ha avuto una parte importante nella biografia di Elton John: era la sua città di riferimento dove tornava durante le tournée negli Stati Uniti, ma anche un luogo di conforto e sostegno dopo essersi liberato negli anni Novanta da varie dipendenze e dal disordine alimentare della bulimia che lo accumunava all'amica Lady Diana. Il musicista aveva cementificato la sua relazione con la città acquistando a partire dal 1992 l'attico di due piani su Peachtree Road. La casa, una delle quattro di Sir Elton, aveva poi dato il titolo al suo ventisettesimo album, uscito nel 2004, oltre che alle aste che prenderanno il via il 21 febbraio: "Goodbye, Peachtree Road".

 

I pezzi forti all'asta

  Tra i pezzi forti, con una stima di 50 mila dollari, c'è il pianoforte a coda Yamaha su cui Rocketman ha suonato gli accordi dei suoi show di Broadway Billy Elliot e Aida. Il pezzo più caro sarà prevedibilmente un trittico di Banksy: per il dipinto di un uomo mascherato che lancia un mazzetto di fiori la stima di partenza è di 1,5 milioni di dollari. Emergeranno dalle aste aspetti meno noti della personalità del cantante tra cui il suo profondo amore per la fotografia che proprio negli anni Novanta aveva cominciato a collezionare con gusto aiutato da una gallerista locale, Jane Jackson. Creando un'atmosfera simile a quella di una galleria d'arte, Elton aveva appeso alle pareti della casa opere di Dorothea Lange, Andy Warhol, Helmut Newton, Robert Mapplethorpe, Peter Beard, Herb Ritts, Richard Avedon e Andres Serrano, quasi tutte in bianco e nero. Inclusi nelle aste saranno poi pezzi creati specificamente per Elton e il marito David tra cui un ritratto del cantante di Julian Schnabel (200-300 mila dollari) e Your Song di Damien Hirst firmato con dedica.

 

In vendita anche abiti di scena confezionati appositamente per lui, ma anche le elaborate tappezzerie Versace, a testimonianza dello stretto rapporto con Gianni e il resto della famiglia dello stilista, e una serie di camicie vintage con una stima di partenza tra i quattro e i seimila dollari che saranno disperse nell'ultima asta della serie il 27 febbraio.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali