FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Anche Mahmood scende in campo per la legge Zan: "Ciascuno ha diritto di essere se stesso"

Dopo Elodie e Fedez anche il cantante 28enne interviene per l'approvazione del ddl sull'omotransfobia 

Non solo Fedez e Elodie. Sempre più esponenti del mondo della musica e dello spettacolo stanno scendendo in campo a sostegno della legge contro l'omotransfobia, il cosiddetto ddl Zan. Tra loro anche Mahmood che qualche giorno fa sulle sue Instagram Stories ha voluto dire la sua: "È di fondamentale importanza approvare la legge Zan. Ho sempre pensato che episodi di discriminazione basati sul sesso, sull'identità di genere e sull'orientamento sessuale debbano essere condannati", h detto il cantante vincitore del Festival di Sanremo 2019.

Mahmood contro l'omofobia

 

 

La legge Zan propone di inserire l’orientamento sessuale e l’identità di genere all’interno dell’attuale impianto giuridico in materia di reati e discorsi d’odio, intervenendo sul codice penale. La proposta ha incassato il via libera alla Camera lo scorso novembre mentre la Lega ne ha bloccato la discussione in Senato, scatenando le proteste dei partiti di Sinistra e di molti personaggi famosi.

"Mi è capitato più volte di assistere impotente a scene di questo tipo, soprattutto durante la mia adolescenza", ha continuato su Instagram Mahmood: "A volte, forse per paura o debolezza, mi sono trovato inerme davanti a situazioni che per me erano e sono una violenza. Violenza che uccide la liberta' di ciascuno di essere se stesso. Ora ho 28 anni e sento di avere, come tutti, la responsabilità di sostenere questo disegno di legge". 

 


Oltre a Fedez, Elodie e Mahmood anche Levante e Michele Bravi sono intervenuti sui social per sostenere la legge Zan: "Quando si parla di diritti umani non c’è un ‘più importante’ o un ‘meno importante’, esiste solo la speranza di chi affida nelle mani dello Stato la necessità di riconoscere una protezione alla propria libertà e quindi dar modo ad un disegno di legge di attuarsi concretamente senza interruzioni ingiustificate”, ha detto Bravi in un'intervista a FQMagazine.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali