FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Addio allʼistrione Charles Aznavour, re degli chansonnier francesi

Il cantante, di origini armene, si è spento a 94 anni

Charles Aznavour, uno dei più amati cantanti francesi, è morto all'età di 94 anni. Era stato scoperto da Edith Piaf nel dopoguerra ed era stato insignito anche della Legione d'Onore. In settant'anni di carriera ha scritto oltre 1.300 canzoni e venduto più di 300 milioni di dischi e il fatto che cantasse in sette lingue gli consentì di esibirsi in tutto il mondo divenendo ovunque famosissimo.

Charles Aznavour, il re della canzone francese negli scatti della sua carriera

Nato a Parigi nel 1924 da immigrati di origine armena, prima debuttò a teatro come attore di prosa, e solo nel dopoguerra, grazie a Edith Piaf che lo portò in tournée in Francia e negli Stati Uniti, si mise in luce come cantautore. Lo strepitoso successo nel 1956 all'Olympia di Parigi con la canzone "Sur ma vie" gli permise di entrare nella storia degli chansonnier francesi.

Successivamente si esibì alla Carnegie Hall e nei maggiori teatri del mondo, duettando con star internazionali come Nana Mouskouri, Liza Minnelli, Sumiva Moreno, Compay Segundo, Céline Dion e, in Italia, con Mia Martini e Laura Pausini. Nel nostro Paese per quasi tutte le versioni italiane delle sue canzoni collaborò con il paroliere Giorgio Calabrese.

All'estero le sue canzoni sono state spesso reinterpretate da numerosi artisti come Elton John, Bob Dylan, Sting, Placido Domingo, Céline Dion, Julio Iglesias, Edith Piaf, Liza Minnelli, Sammy Davis Jr, Ray Charles, Elvis Costello e moltissimi altri.
In America e Inghilterra veniva spesso descritto come il "Frank Sinatra francese", ma a differenza del crooner statunitense era lui stesso a scrivere le sue canzoni, spesso rompendo i tabù su matrimonio, omosessualità e sentimenti al maschile.

Oltre all'attività di cantante ha portato avanti la carriera di attore, partecipando a oltre 60 film tra cui "Tirate sul pianista" di François Truffaut e "Ararat" (2002), sulla questione armena, per la quale si è sempre battuto grazie a una fitta attività diplomatica, diventando ambasciatore dell’Armenia in Svizzera, dove si esiliò negli anni Settanta per problemi con il fisco.

AVREBBE VOLUTO CANTARE FINO A 100 ANNI - Il suo ultimo concerto è stato il 19 settembre scorso, a Osaka, In Giappone. Il prossimo era previsto per il 26 ottobre a Bruxelles. Quando compì 90 anni dichiarò: "Ho smesso di festeggiare i miei compleanni a cinquant'anni e ho deciso che ricomincerò solo quando ne compirò 100. D'altronde l'aria in Francia è buona e le mie origini caucasiche mi fanno credere che vivrò fino a 120 anni. Al compimento di un secolo smetterò di cantare, ma non di scrivere canzoni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali