FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

A Venezia 77 ben dieci minuti di applausi per "Notturno" di Gianfranco Rosi

Accoglienza calorosa per il film italiano girato in Medio Oriente

GIANFRANCO ROSI, VENEZIA 77

E' durato ben dieci minuti l'applauso al termine della prima mondiale di "Notturno", pellicola diretta da Gianfranco Rosi e terzo titolo italiano in corsa per il Leone d'oro. Felice del tributo il regista, che ha portato alla Mostra del Cinema di Venezia un film girato ai confini di Siria, Iraq e Libano. Rosi è stato tre anni in Medio Oriente, rischiando anche la vita, per raccontare le storie di chi vive quotidianamente i conflitti.

Leggi anche>

"Venezia 77": sette minuti di applausi per Favino alla prima di "Padrenostro"


Il documentario racconta la situazione in Medio Oriente attraverso le storie di otto persone. Rosi, candidato all'Oscar per "Fuocoammare", ha viaggiato per tre anni tra i confini di Iraq, Kurdistan, Siria e Libano, per raccontare una quotidianità che sta dietro la tragedia continua di guerre civili, dittature feroci, invasioni e ingerenze straniere, sino all'apocalisse omicida dell'ISIS.

 

"Volevo raccontare la loro esistenza in bilico tra la vita e l'inferno, provare ad identificarmi, a stabilire un contatto e portare a casa uno sguardo diverso del Medio Oriente", ha spiegato Rosi. "Notturno nasce dove si interrompe la breaking news sull'ultimo naufragio, sull'ultima strage, per provare a dare una dimensione intima, profonda", ha aggiunto. 

 

Gianfranco Rosi porta in passerella la figlia Emma

 

Storie di superstiti -   "Sono otto persone, da luoghi distanti e diverse per esperienza, frequentate per mesi, stabilendo un rapporto di fiducia", ha continuato il regista. "Sono racconti liberi, spontanei dei superstiti di massacri della comunità Yazida. Per me far vedere questi bambini, le loro paure, è stato un atto necessario, è il cuore del film".

 

Per alcuni di loro c'è stato il lieto fine come alcuni bimbi dell'orfanotrofio, con sindromi post traumatiche, che sono in cura in Germania o la "schiava dell'Isis", la ragazza di cui si sentono messaggi disperati sul telefonino della madre. Dopo due anni si è liberata dopo e adesso è al sicuro a Stoccarda.

 

Ti potrebbe interessare:

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali