IL BILANCIO

Cala il sipario sulla Design Week 2022: a Milano oltre 400mila persone

L'assenza dei buyer cinesi e russi compensata dall'incremento delle presenze da Brasile, America e Corea. Porro: "Conferma del respiro internazionale dell'evento". Sala: "Successo oltre le previsioni"

13 Giu 2022 - 11:50
1 di 47
© Ufficio stampa  | Saverio Lombardi Vallauri© Ufficio stampa  | Saverio Lombardi Vallauri© Ufficio stampa  | Saverio Lombardi Vallauri© Ufficio stampa  | Saverio Lombardi Vallauri

© Ufficio stampa | Saverio Lombardi Vallauri

© Ufficio stampa | Saverio Lombardi Vallauri

Si chiude con un bilancio di 262mila presenze tra i padiglioni del polo fieristico di Rho e oltre 400mila in giro per tutti gli eventi del Fuorisalone l'edizione 2022 del Milano Design Week. Un'edizione "finalmente ordinaria", commenta il presidente di Fondazione Fiera Milano, Enrico Pazzali. "Prevedevamo un azzeramento della componente asiatica" di buyer e operatori, spiega, mentre l'assenza di cinesi e russi, che pesavano per più di 42mila presenze nel 2019, "è stata compensata dall'arrivo di molti più brasiliani, americani e coreani: una bella sorpresa". 

Porro: "Grande risultato nonostante momento complesso" - La manifestazione, tornata alla sua veste tradizionale dopo la pausa dovuta alla pandemia e dopo il 'Supersalone' di appena nove mesi fa, ha accolto ospiti stranieri da 173 Paesi. Anche tra operatori di settore e buyer circa sei su dieci erano provenienti dall'estero. Per la presidente del Salone, Maria Porro, la mole di visitatori stranieri è la "conferma del respiro internazionale della manifestazione e della coesione della comunità del design" a riprova della capacità di "produrre eccellenza, con grandi risultati, anche nei momenti più complessi a livello internazionale".

Alcova si conferma uno degli eventi da non perdere del Fuorisalone

1 di 88
© Ufficio stampa  | ph Mattia Parodi© Ufficio stampa  | ph Mattia Parodi© Ufficio stampa  | ph Mattia Parodi© Ufficio stampa  | ph Mattia Parodi

© Ufficio stampa | ph Mattia Parodi

© Ufficio stampa | ph Mattia Parodi

FederlegnoArredo: "Continuiamo a guardare al futuro con ottimismo" - Protagonisti del Salone di quest'anno sono stati la casa intelligente, il rinnovo dei materiali e l'intreccio tra tradizione e innovazione volto alla sostenibilità: è il quadro che ne fa il presidente di FederlegnoArredo, Claudio Feltrin, secondo cui l'evento ha rappresentato una "dimostrazione pratica" di quanto le 70mila imprese della filiera, per oltre 290mila addetti e un fatturato da quasi 50 miliardi di euro, non abbiano mai "smesso di guardare al futuro con ottimismo". 

La presenza sui social - Volgendo lo sguardo al prossimo autunno, Feltrin si mostra comunque cauto davanti alle incognite dello scenario internazionale, sebbene l'andamento del mercato si dimostri "ancora estremamente dinamico e in salute". Sul fronte social, 13,5 milioni sono gli account raggiunti e più di 50mila i contenuti generati dalla community utilizzando gli hashtag ufficiali. Nell'ultima settimana, il sito ha registrato 4,8 milioni di pagine viste con una media di 100mila utenze giornaliere, per il 69,2% dall'Italia e il 30,8% dall'estero.

"Progettare il presente, scegliere il futuro": Brera Design District affronta le sfide di domani

1 di 42
© IPA © IPA © IPA © IPA

© IPA

© IPA

I numeri del Fuorisalone - Con il Salone chiude i battenti anche il Fuorisalone, con eventi e allestimenti diffusi in città. Il sindaco Giuseppe Sala lo ha definito "un successo al di là delle previsioni, con 400mila visitatori a Milano in una settimana". Secondo i dati di Atm, l'azienda che gestisce il trasporto pubblico cittadino, c'è stato un incremento di passeggeri sull'intera rete metropolitana di Milano tra il 10 e il 15% a seconda delle giornate, rispetto alla settimana di fine maggio. In valore assoluto si tratta in media dai 100 ai 150mila passeggeri in più al giorno per un totale di oltre 500mila utenti registrati tra martedì e sabato.

Pazzali: "Si riconferma l'attrattività di Milano" - Dopo due anni "molto faticosi, che ci hanno visto impegnati con l'ospedale in Fiera prima, e con i centri vaccinali poi - osserva Pazzali, tracciando un bilancio della recente attività della Fondazione - e mentre si cerca di aiutare la popolazione ucraina a gestire questo momento drammatico", il Salone segna "un ennesimo punto di ripartenza, dopo i tanti sforzi della nostra comunità per reagire ai momenti difficili. Una riconferma definitiva dell'attrattività di Milano".

L'ex fabbrica Necchi di Baranzate apre le porte al design belga

1 di 30
© IPA © IPA © IPA © IPA

© IPA

© IPA

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri