FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Wasp-193b, esiste un pianeta leggero come lo zucchero filato

Wasp-193b è ben più grande, ma molto meno denso di Giove ed è leggero a tal punto che gli scienziati non riescono a spiegare come si sia formato 

Wasp-193b, esiste un pianeta leggero come lo zucchero filato - foto 1
NASA/ESA/CSA

Il misterioso pianeta leggero come zucchero filato, chiamato Wasp-193b, potrebbe essere formato da una sfera di idrogeno ed elio.

La scoperta che si deve alla ricerca guidata dall'Università belga di Liegi è stata annunciata nel 2023 sulla piattaforma arXiv, ma è stata descritta adesso sulla rivista Nature Astronomy.

Wasp-193b, esiste un pianeta leggero come lo zucchero filato - foto 2
Tgcom24

 

Wasp-193b ha caratteristiche incredibili

 Osservato per la prima volta nel 2006 dall'osservatorio Wasp (Wide Angle Search for Planets) da cui prende il nome, nel corso del tempo il pianeta è stato osservato sempre più in dettaglio fino a svelarne le sue incredibili caratteristiche: Wasp-193b risulta avere essere il 50% più grande di Giove ma con una massa sette volte inferiore. La sua densità è di circa 0,059 grammi per ogni centimetro cubico, all'incirca quella dello zucchero filato, ben lontana da quella di un pianeta come la Terra, che è di 5,5, così come di Giove che è di 1,33.

"Ciò lo rende una vera anomalia tra gli oltre cinquemila esopianeti scoperti fino ad oggi", ha detto Khalid Barkaoui, dell'Università di Liegi. 

 

La sua misteriosa composizione

 Secondo gli astronomi il pianeta sarebbe composto principalmente da idrogeno ed elio, come la maggior parte degli altri giganti gassosi della galassia ma per Wasp-193b questi gas probabilmente formano un'atmosfera estremamente gonfia che si estende per decine di migliaia di chilometri. Un'ipotesi che però al momento non può essere supportata da nessuno degli attuali modelli capaci di spiegare la formazione dei pianeti.

 

"Non sappiamo dove collocare questo pianeta in tutte le teorie sulla formazione che abbiamo in questo momento, perché è un valore anomalo", ha aggiunto Francisco Pozuelos, dell'Istituto di Astrofisica dell'Andalusia e tra gli autori dello studio.

Solo nuove osservazioni con il telescopio spaziale James Webb, sottolineano i ricercatori, potrebbero forse aiutare a risolvere il mistero dello "zucchero filato". 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali