FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sanità, il Sud arranca sulla prevenzione dei tumori e il Nord sui vaccini | Livelli essenziali di assistenza garantiti solo in 9 Regioni

Secondo il rapporto di Cittadinanzattiva, in tutta Italia liste dʼattesa troppo lunghe e tempi dʼattesa molto diversi per gli esami tra pubblico e intramoenia

Gli screening oncologici procedono a fatica al Sud mentre sul fronte dei vaccini è il Nord a essere in una condizione peggiore, mentre tutta Italia è unita da liste d'attesa troppo lunghe. A scattare la fotografia della situazione della Sanità in Italia è il VII rapporto sul federalismo nella gestione della salute, presentato a Roma da Cittadinanzattiva. 

Tumori e prevenzione, male il Sud - Sono cinque le Regioni inadempienti sul fronte della prevenzione dei tumori rispetto ai Lea (i Livelli essenziali di assistenza) nell'adesione agli screening oncologici. Si tratta di Calabria, Campania, Sicilia, Puglia e Sardegna. Alla mammografia in Campania aderisce il 48% delle donne contro l'89% di Trento. Per lo screening cervicale in Calabria si arriva al 60%, in Emilia Romagna al 90%. Per la diagnosi precoce dei tumori colonrettali la Puglia arriva al 12% e Trento al 73%.

 

Vaccini, va peggio al Nord - Per le coperture vaccinali, dice Cittadinanzattiva, l'immunità di gregge per i vaccini obbligatori è stata raggiunta nel 2018 da Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana e Umbria. Tutte le altre regioni sono sotto il 95%, con punte negative nel Friuli Venezia Giulia (90%) e a Bolzano (85%). Quanto al vaccino contro il morbillo, solo il Lazio raggiunge il 95%, per quello contro la varicella vanno oltre il 91% solo Basilicata e Puglia, mentre le regioni che fanno peggio sono Valle d'Aosta (38%), Umbria (43%) e Piemonte (47%). Sull'antinfluenzale, dovunque al di sotto della soglia raccomandata, le regioni più virtuose sono Umbria, Calabria e Molise, oltre il 60%, e le meno virtuose Bolzano (35%), Sardegna e Valle d'Aosta (44%). 

 

Lunghe liste d'attesa - Sia al Nord sia al Sud ci sono forti differenze tra i tempi di accesso al pubblico e al servizio intramoenia: in Sicilia i tempi di attesa per una colonscopia sono 157 giorni nel pubblico e 13 in intramoenia, mentre in Liguria si va dai 58 giorni del pubblico agli otto del canale "intramurario".

 

Livelli d'assistenza garantiti solo in nove Regioni - Dal quadro emergono altri dettagli negativi. I livelli essenziali di assistenza (Lea) sono garantiti solo in nove regioni, il Piano Nazionale Cronicità non è ancora stato approvato in quattro e solo nove hanno un sistema online trasparente di informazione sui tempi di attesa per visite ed esami.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali