FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Speranza: "Voglio abolire il superticket perché crea diseguaglianze"

Secondo il ministro della Sanità questa misura crea differenze nei territori e ricade sul ceto medio

Il primo ministro di sinistra della Sanità si è prefissato un obiettivo ambizioso: abolire il superticket che crea diseguaglianze sul territorio e penalizza il ceto medio. E si sta già confrontando con il ministero dell'Economia per trovare i i 550 milioni necessari per far si che questo avvenga.

Nel corso di un'intervista a "la Repubblica" Speranza è categorico: "Il superticket dobbiamo abolirlo." E spiega che non sarà semplice trovare i soldi per far si che questo avvenga. Ma è una priorità per il suo dicastero ed è perciò disposto anche che ciò avvenga per gradi.

 

Speranza spiega anche che il principio che segue per affrontare il problema delle tasse sanitare è quello della progressività. Perché "un parlamentare, con quello che guadagna, può pagare per una visita specialistica qualcosa in più rispetto a un lavoratore dipendente". 

 

 

Immediata la risposta del segretario del Pd Nicola Zingaretti che dice: "Sono d'accordo con l'idea di lavorare per abolire il superticket nella sanità. In Regione Lazio lo abbiamo fatto. Costruiamo una Italia più giusta"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali