FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mani bioniche sempre più simili a quelle umane: sensibili e precise nei movimenti e con tatto reale

Il ministro della Salute, Giulia Grillo: "La grande ambizione dal punto di vista politico è poter dare a tutti i cittadini che ne avranno bisogno questo tipo di protesi"

Mani bioniche sempre più simili a quelle umane: sensibili e precise nei movimenti e con tatto reale

Sensibile e precisa nei movimenti, con un tatto reale che permette di sentire se si sta perdendo il contatto con un oggetto e, di conseguenza, di afferrarlo e capace di orientarsi anche al buio. È quanto è in grado di fare la mano bionica di ultima generazione. Frutto della ricerca italiana e internazionale, la mano e già impiantata in via sperimentale su vari pazienti (per periodi anche prolungati). I traguardi raggiunti in questo campo sono stati illustrati da esperti e pazienti al convegno "Mano bionica. Dalle origini della ricerca alle sperimentazioni su soggetti amputati" nella sede dell'Accademia dei Lincei a Roma.

Perché la nuova mano bionica possa essere disponibile sul mercato saranno però necessari ancora 4-5 anni. L'auspicio è che essa possa rientrare nei nuovi Livelli essenziali di assistenza. Un obiettivo indicato dallo stesso ministro della Salute, Giulia Grillo: "La grande ambizione dal punto di vista politico è poter dare a tutti i cittadini che ne avranno bisogno questo tipo di protesi. Ovviamente ci saranno costi importanti e sarà necessario pianificare per capire come arrivare a tale risultato, ma dobbiamo avere un obiettivo ambizioso". Quanto al 'come' arrivarci, "l'Inail è a disposizione, ad esempio, e possiamo immaginare delle collaborazioni anche dal punto di vista dei finanziamenti, che sono ingenti". Insomma, "bisogna studiare una strategia perché la mano bionica - conclude Grillo - è una delle più grandi conquiste della Ricerca italiana e non solo, e di ciò dobbiamo essere orgogliosi".

Il pioniere della Biorobotica, Paolo Dario, docente di Robotica biomedica presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, lanciò l'ambizioso progetto di creare una protesi di mano a controllo neurale - basata su elettrodi impiantati nei nervi periferici di persone con amputazioni al braccio - alla fine degli anni Ottanta. "Sembrava fantascienza, ma oggi la connessione di una mano bionica al sistema nervoso è una sfida che abbiamo vinto e le nuove protesi bioniche consentono non solo di riacquistare l'utilizzo della mano, ma soprattutto di percepire le sensazioni provenienti dall'ambiente esterno", racconta l’esperto.

Tantissimi i passi avanti fatti da allora, come dimostrano due studi condotti dai ricercatori dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, del Centro protesi Inail, della Scuola Superiore S.Anna di Pisa e della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli-Università Cattolica presentati durante il convegno e pubblicati di recente sulla rivista Science Robotics. Per i pazienti le nuove protesi rappresentano una svolta: "Ora ad esempio - spiega Paolo Maria Rossini, responsabile clinico degli studi per l'Università Cattolica del Sacro Cuore - è possibile utilizzare nei pazienti questo nuovo tipo di tecnologie anche a lungo termine, ovvero per molti mesi". E per la presidente della Società Nazionale di Bioingegneria, Maria Chiara Carrozza, "questo tipo di studi dimostra che l'Italia è uno degli avamposti in queste tecnologie, che contribuiscono al miglioramento del Servizio sanitario nazionale".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali