FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, i ginecologi: "In caso di necessità favorire l'aborto farmacologico"

In questo modo, secondo gli esperti, si potrebbero decongestionare gli ospedali e alleggerire lʼimpegno degli anestesisti, evitando inoltre alle donne possibilità di contagio

aborto ecografia, generica

I ginecologi italiani lanciano un appello perché si faccia un maggior ricorso in caso di necessità all'aborto farmacologico durante l'emergenza coronavirus, "a tutela della salute e dei diritti delle donne". In questa fase di pandemia, spiegano le società scientifiche di Ginecologia e Ostetricia, sarebbe utile a decongestionare gli ospedali, alleggerire l'impegno degli anestesisti e l'occupazione delle sale operatorie.

"In questo momento storico - spiega Antonio Chiantera, presidente della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia - riteniamo doveroso tutelare la salute e i diritti delle donne, attuando le procedure ritenute giustamente indifferibili, e al contempo ponendo in essere tutte le misure utili a contenere e contrastare il diffondersi della pandemia".

 

E Nicola Colacurci presidente dell' Associazione Ginecologi Universitari Italiani, sottolinea invece che "il percorso tradizionale dell'aborto chirurgico, che prevede numerosi accessi ambulatoriali espone la donna a un numero eccessivo di contatti con le strutture sanitarie, che sicuramente" in questo periodo di emergenza "non contribuiscono alla riduzione del rischio di contagio". 

 

Inoltre, secondo i ginecologi, le maggiori difficoltà che le donne incontrano ad accedere ai servizi di interruzione volontaria di gravidanza rischiano di determinare il superamento dei limiti temporali previsti dalla legge; rischio ancora maggiore per le donne che vivono in condizioni di alta marginalità e vulnerabilità, quali
violenza domestica, condizioni precarie di salute o positività al coronavirus.

 

Coronavirus, come proteggono i diversi tipi di mascherine?

Gli esperti sottolineano quindi la necessità di rivedere alcuni aspetti delle procedure vigenti, dichiarandosi favorevoli prima di tutto a spostare il limite del trattamento da 7 a 9 settimane; eliminare la raccomandazione del ricovero in regime ordinario dal momento della somministrazione del mifepristone a momento dell'espulsione; introdurre anche il regime ambulatoriale che prevede un unico passaggio nell'ambulatorio ospedaliero o in consultorio, con l'assunzione del mifepristone, e la somministrazione a domicilio delle prostaglandine, procedura già in uso nella maggior parte dei Paesi europei. Per i ginecologi, inoltre, bisogna prevedere una procedura totalmente da remoto, monitorizzata da servizi di telemedicina, come è già avvenuto in Francia e nel Regno Unito.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali