FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Zingaretti rilancia lo ius soli, ma il M5s non ci sta | Di Maio: "Sconcertato, basta slogan"

Lʼassemblea nazionale vara il nuovo statuto: tra le principali novità il superamento dellʼautomatismo segretario-candidato premier

Nicola Zingaretti, nel discorso alla convention di Bologna, rilancia l'agenda dei Dem, annunciando che il Pd si batterà "per far approvare lo ius soli". Immediata la replica del M5s con Luigi Di Maio: "Sono sconcertato, basta slogan". L'assemblea vara intanto il nuovo statuto: il segretario non sarà più il candidato premier. "Chi vuol rosicare voti al Pd si scava la fossa", il messaggio poi di Zingaretti a Renzi.

"Il Pd resterà comunque il pilastro della risposta alla risorgente destra. Stiamo vivendo una difficile esperienza di governo, ma ribadiamo la scelta di sperimentare le alleanze", aggiunge. "Occorre unirsi perché lo spettacolo di una destra unita e solidale che poi colpisce a fronte di un campo democratico che è sempre discorde agli italiani risulta insopportabile, l'idea che litighiamo sempre e loro sono uniti è insopportabile anche sul piano morale ma soprattutto circa l'utilità ed efficacia della battaglia". 

 

"Salvini è stato il più incapace a risolvere problemi"  Secondo il segretario del Partito Democratico, "la destra italiana ed europea è riuscita ad offrire finte e parziali offerte velleitarie, ha fatto finta di offrire protezione ma la storia fa giustizia se ci inseriamo e combattiamo con un progetto altro. Il leader della destra è il migliore a raccogliere le paure, a raccontare i problemi degli italiani ma dopo 15 mesi di governo è stato il più incapace a risolvere i problemi degli italiani". 
 

 

"Via dl sicurezza e sì a ius soli e ius culturae"  "Ci battiamo perché al più presto si rivedano i decreti Salvini, dentro questo governo come scelta di campo", prosegue Zingaretti, annunciando che "ci batteremo con i gruppi parlamentari per far approvare lo ius culturae e ius soli. Faremo una legge per la parità salariale tra donne e uomini, ma per raggiungere l'obiettivo e non per mettere bandierine e avere un'intervista sui giornali. Ci vuole serietà non comizi", 

 

La replica del M5s: "Sconcerta che si parli di ius soli" Sulla questione dello ius soli sollevata dal segretario Dem è arrivata la replica del M5s. "C'è mezzo Paese sott'acqua e uno pensa allo ius soli? Siamo sconcertati - hanno detto dal Movimento -. Preoccupiamoci delle famiglie in difficoltà, del lavoro, delle imprese. Pensiamo al Paese, già abbiamo avuto uno che per un anno e mezzo ha fatto solo campagna elettorale. Noi vogliamo pensare a lavorare".  

 

Di Maio: "Sono sconcertato, basta slogan" Successivamente interviene lo stesso Di Maio. "Col maltempo che flagella l'Italia, il futuro di 11mila lavoratori a Taranto in discussione, qui si parla di ius soli: io sono sconcertato", sottolinea il  capo politico dei Cinque Stelle, commentando la proposta del segretario Dem. "Siamo al governo per governare e non per lanciare slogan o fare campagna elettorale. Qui siamo all'assurdo che si vuole fare lo ius soli da una parte e togliere quota 100 dall'altra per ritornare alla legge Fornero. Mi sembra un po' eccessivo", aggiunge. 

 

Varato il nuovo statuto Pd. il segretario non sarà più candidato-premier Nel frattempo l'Assemblea nazionale del Pd, riunita a Bologna, vara la riforma del nuovo statuto con le modifiche proposte dalla Commissione con 566 voti favorevoli, uno contrario e 5 astenuti. I delegati dell'Assemblea avevano in precedenza già votato per l'adozione del testo. Durante il dibattito non sono stati presentati emendamenti e quindi non c'è stata un'ulteriore votazione. Tra le principali novità c'è il superamento dell'automatismo segretario-candidato premier.

 

Le principali novità dello statuto
- nasce la piattaforma digitale deliberativa dei democratici, con più forza ai circoli e più apertura anche con i circoli on line, quelli tematici, i punti Pd e la rete dei volontari
- più spazio ai sindaci, che entrano di diritto nell'assemblea nazionale e si organizzano con un coordinamento nazionale e un coordinatore che entra in segreteria nazionale
- confermate le primarie e introdotta la novità del ballottaggio: gli iscritti nei circoli sceglieranno i due candidati che andranno al voto degli elettori nei gazebo 
- nasce la Fondazione di cultura politica nazionale
- parità di genere in tutti gli organismi dirigenti a ogni livello
- superato l'automatismo segretario-candidato premier

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali