FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tav, Chiamparino a Salvini: chi tira bombe ai poliziotti sono amici dei suoi alleati

Il governatore del Piemonte: "Ogni rinvio è una mancanza di rispetto, basta propaganda. Si porti a Chiomonte la decisione del governo sulla Tav"

Tav, Chiamparino a Salvini: chi tira bombe ai poliziotti sono amici dei suoi alleati

"Salvini verrà a Chiomonte a portare la sua solidarietà alle forze dell'ordine, è giusto, l'ho fatto anche io. Ma si ricordi che chi tira le bombe carta sono gli amici degli amici del suo alleato al governo". Il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, interviene così nel dibattito sulla Torino-Lione. "Ogni rinvio - dice - è una mancanza di rispetto, basta propaganda. Salvini porti a Chiomonte la decisione del governo sulla Tav".

"Leggo - ha inoltre aggiunto Chiamparino - che Salvini fa suoi i dati da me più volte pubblicati sui costi della Tav e che concorda con me sul paradosso di un'analisi costi-benefici targata Cinque Stelle, che considera tra i costi le mancate accise sui carburanti e i mancati pedaggi autostradali alla faccia dell'ambiente". "Meglio tardi che mai", ha chiosato il governatore del Piemonte, ironizzando: "Se non fosse l'ennesima puntata di una sceneggiata che la Lega non vuole concludere assumendosi la responsabilità di una decisione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali