FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Salvini e la divisa "abusiva", protesta il sindacato dei pompieri: "Uso improprio" | Il ministro: "Orgoglioso di indossarla"

Per lʼUsb il comportamento del vicepremier viola il Codice penale: "Nessuno può indossare in pubblico completi con gradi e mostrine perché provocherebbe confusione nei cittadini"

Salvini e la divisa "abusiva", protesta il sindacato dei pompieri: "Uso improprio" | Il ministro: "Orgoglioso di indossarla"

C'è quella di lui al cellulare, quella in posa con un drink sulla neve o magari l'altra, quella con un arancino a Catania. Senza contare i selfie, da solo, con gli amici, con i fan: tutte foto che il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, posta sui suoi social, con tanto di divisa ufficiale. Dai Vigili del Fuoco alla Polizia, nessun corpo "sicurezza" escluso, per par condicio. Ma all'ennesimo scatto, la piccola ma agguerritissima sigla Usb dei pompieri ha denunciato per via amministrativa il vicepremier per “porto abusivo di divisa”. Immediata la replica del ministro: "Orgoglioso di indossarla".

Codice penale alla mano, il coordinatore nazionale Usb, Costantino Saporito, ha scritto una lettera di denuncia indirizzata al ministro, al prefetto Bruno Frattasi capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, e al responsabile dell’ufficio Garanzia dei diritti sindacali: "Chiunque - recita l'articolo 498 del Codice penale - abusivamente porta in pubblico la divisa o i segni distintivi di un ufficio o impiego pubblico, o di un corpo politico, amministrativo o giudiziario, ovvero di una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, ovvero indossa abusivamente in pubblico l'abito ecclesiastico, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 154 a euro 929".

Salvini in divisa, i mille "volti" del ministro dellʼInterno

Insomma, si legge ancora nella lettera: "E' vietato indossare divise complete di gradi e mostrine che possano generare confusione e far sembrare che ci si trovi davvero davanti a un poliziotto o a un carabiniere o a un finanziere o corpi equiparati. Indossare semplicemente una maglietta senza gradi né stellette non è invece reato".

Una denuncia che si conclude con una vena polemica per come si sono chiusi i conti proprio per uno dei corpi più "inflazionati" in tema di divise mostrate: "È sotto gli occhi di tutti - si legge ancora - tutti che soprattutto noi vigili del fuoco, amati da tutti, usciamo dall'ultima Finanziaria senza l’ombra di un soldino in tasca e rimaniamo con l’ultimo contratto che non ha nulla di normativo". "Un'idea ci sarebbe, per risolvere il problema dei fondi: moltiplichiamo le apparizioni abusive di Salvini in divisa per il massimo della sanzione pecuniaria prevista dall'articolo 498 CP. Ce ne sarebbe per tutto il comparto e avanzerebbe anche qualcosa per iniziare a rimborsare il popolo italiano dei 49 milioni fatti sparire dalla Lega".

Salvini: "Un orgoglio indossare le divise" - A criticare Matteo Salvini per le divise delle forze dell'ordine indossate negli incontri pubblici era intervenuto anche lo scrittore Roberto Saviano, a cui il ministro ha risposto: "Per me ricevere in dono e indossare giacche e distintivi delle forze dell'ordine è un orgoglio! Un riconoscimento del lavoro di questi mesi e del pieno sostegno a chi indossa una divisa. Mi spiace per Saviano che non può dire e fare altrettanto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali