FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Quirinale, sesta fumata nera | Salvini e Conte: un presidente donna | Grillo tifa Belloni, ma stop da Iv e FI | Nella rosa anche Severino e Cartabia

Resta ancora in pista il nome di Draghi, che piace soprattutto ai governatori del Carroccio. Letta dopo vertice con Lega e M5s: "Abbiamo discusso in modo franco, lavoriamo per chiudere". Al sesto scrutinio oltre 330 voti per Mattarella

Tgcom24

"Si lavora per un presidente della Repubblica donna". Così venerdì sera, quando ormai è chiaro che anche il sesto scrutinio per l'elezione del Capo dello Stato non darà risultati, Lega e M5s sembrano trovare una quadra. Tutto porta al nome di Elisabetta Belloni, attualmente a capo dei servizi segreti, anche se il leader leghista taglia corto: "Non faccio nomi né cognomi". Ma se il garante del M5s, Beppe Grillo, plaude al nome della Belloni, fonti del Nazareno appaiono caute e fanno sapere che tra le papabili ci sarebbero anche Severino e Cartabia, mentre arriva un secco no di Italia Viva e Forza Italia. 

 

Le due fumate nere di venerdì

 La giornata di venerdì si chiude quindi con due fumate nere, quelle del quinto e del sesto scrutinio. La prima della giornata "accompagna" la bocciatura del presidente del Senato, Elisabetta Casellati, che si ferma a 382 preferenze, quindi alla candidata del centrodestra mancano ben 71 voti rispetto al numero di grandi elettori (453) del suo schieramento.

 

Alla sesta votazione si astiene il centrodestra: Mattarella ottiene 336 voti, Di Matteo 41, Pier Ferdinando Casini 9, Luigi Manconi 8, Mario Draghi e Marta Cartabia 5, Elisabetta Belloni 4, Giuliano Amato 3 e Casellati 2. Secondo i dati ufficiali, i partecipanti sono 976, votanti 531, astenuti 445: schede nulle 4, quelle disperse 9.

 

Conte e Salvini puntano sulla Belloni

"Al momento la Belloni è la candidata di FdI, Lega e M5s". Un parlamentare di Leu riassume così la situazione nella tarda serata di venerdì. Di sicuro, il leader della Lega e il presidente M5s ci riprovano, dopo aver tentato il blitz nei giorni scorsi prima su Franco Frattini e poi su Elisabetta Casellati, stoppati innanzitutto dalla "strana coppia" formata da Enrico Letta e Matteo Renzi.

 

E sul nome della direttrice generale del Dis arriva anche il "placet" di Beppe Grillo. "Benvenuta Signora Italia, ti aspettavamo da tempo. #ElisabettaBelloni", ha scritto infatti su Twitter il garante del M5s.

 

 

 

Lo stop alla Belloni da Forza Italia e Iv

Adesso il nome più forte è quello di Elisabetta Belloni, capo del Dis, molto apprezzata da Mario Draghi, subito sostenuta anche da FdI, oltre che appunto da Lega e 5 Stelle, una parte almeno. Secco, invece, il no di Iv, FI e Leu e molto fredda è apparsa la posizione del Pd. La Belloni è sicuramente un nome importante, non targato politicamente, molto considerato anche dentro il Pd e dagli stessi Letta e Renzi.

 

Il leader Iv, però, lo ha già stoppato in maniera brusca: "E' una straordinaria professionista, io la volevo ministro degli Esteri. La stimo molto, è una mia amica, è stata capo di gabinetto di Gentiloni e segretario generale della Farnesina, ma oggi è il capo dei servizi segreti in carica. Indipendentemente dal nome, in una democrazia del 2022 il capo dei servizi segreti non diventa Presidente della Repubblica, se non lasciando tutti gli incarichi e candidandosi di fronte ai cittadini".

 

Uno stop arriva anche da FI: "Non possono coesistere un tecnico nel ruolo di Presidente del consiglio e un tecnico nel ruolo di Presidente della Repubblica".

 

 

Pd: "Nella rosa Belloni, Cartabia e Severino"

Letta è molto più cauto, non dice no, dal Pd arriva una nota che definisce "autorevoli" le "candidature femminili" che circolano. Perché per i democratici oltre alla Belloni c'è anche Marta Cartabia e Paola Severino. Ma, soprattutto, il leader Pd ripete che è "fondamentale l'unità della maggioranza".

 

Sullo sfondo resta l'opzione Draghi

Se il Pd invita "tutti" a "prendere atto della spinta che da due giorni e in modo trasversale in Parlamento viene a favore della riconferma del presidente Mattarella", Iv finora ha detto no al bis e continua a lavorare per Pierferdinando Casini. Due soluzioni entrambe indigeribili per la Lega che spera ancora in "un nome terzo", ovvero quello di Mario Draghi che piace soprattutto nel fronte del Nord e dei governatori, anche se fonti del Carroccio avvertono: "L'opzione Draghi ci andrebbe anche bene ma il governo cadrebbe a giugno: i Cinque Stelle non reggerebbero". 

 

Forza Italia: "Per nome condiviso tratteremo da soli" A fine giornata Forza Italia si "smarca" dagli alleati di centrodestra. "Forza Italia, allo scopo di favorire una rapida e il più possibile condivisa elezione del Presidente della Repubblica, da questo momento in poi discuterà e tratterà autonomamente con le altre forze politiche", hanno infatti reso noto fonti di FI.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali