FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Manovra, Conte: "Mai pensato al 2,4% come sfida allʼEuropa, trattiamo a oltranza"

La trattativa con la Ue per evitare la procedura di infrazione procede a ritmi serrati e si lavorerà per tutto il weekend, anche di notte, per arrivare a un accordo entro lunedì

Manovra, Conte: "Mai pensato al 2,4% come sfida all'Europa, trattiamo a oltranza"

"Non abbiamo mai pensato al 2,4% come un dato simbolico, un indice di sfida all'Europa, ma come fondo per una somma che ci consentiva di non tradire l'impegno con i cittadini. Nel momento in cui si sono liberate altre risorse abbiamo potuto elaborare la seconda proposta". Lo ha dichiarato il premier Giuseppe Conte da Bruxelles. "Non ho dovuto convincere - ha spiegato - né Di Maio né Salvini" sul ribasso del deficit.

Il premier Giuseppe Conte parla della trattativa serrata con la Ue per arrivare a limare i conti della Manovra fino al punto di evitare la temuta procedura di infrazione. "Siamo consapevoli che questa interlocuzione" con l'Ue "implica uno sforzo da entrambe le parti, che può e deve produrre un cambio di prospettiva positivo per tutti. Stiamo lavorando proprio con questo obiettivo: rilancio dell'economia, equilibrio nei conti e rispetto degli impegni presi" sottolineando che l'Italia "non merita" un'eventuale procedura "per il senso di responsabilità e serietà con cui questa manovra è stata scritta".

Intanto però la trattativa con l'Ue procede a ritmi serrati, lavorando "a oltranza, anche nelle ore notturne". L'obiettivo di entrambe le parti è chiudere entro lunedì. L'atmosfera, rispetto a sole 24 ore fa, è migliore anche se il passo che resta da fare è ancora significativo: manca uno 0,3% del Pil, fanno sapere fonti qualificate, cioè circa cinque miliardi. E se non bastasse, arriva anche una nuova doccia gelata sulle prospettive economiche del Paese: il Pil quest'anno, secondo Bankitalia, crescerà dello 0,9% rispetto alle precedenti stime dell'1,2%. Conte però sembra orientato a tenere il punto su quel 2,04% di rapporto deficit/pil che sembra considerare un passo in avanti dell'Italia non ulteriormente ritoccabile."Se dovessimo scendere da quei saldi e questo significasse, come probabilmente significherebbe, dover tirare a sorte tra una platea di destinatari delle nostre misure, non lo faremo mai" - ha affermato.

Ora il nemico è il tempo: l'emendamento alla manovra va presentato entro lunedì perché quello è anche il giorno in cui i capi di gabinetto dei commissari Ue devono decidere se preparare o meno la procedura contro l'Italia che finirebbe poi sul tavolo del Collegio di mercoledì. E' per questo che i tecnici del Tesoro e quelli della Commissione sono chiusi a studiare come 'aggiustare' la spesa strutturale. Inoltre, ancora resistono i dubbi sulla qualità delle misure: ritardare l'entrata in vigore di quota 100 e reddito, non fa che spostare il problema del deficit e debito al 2020 e 2021. Un dubbio però superabile, visto che rinviare il problema non è in conflitto con le regole. Il lavoro sui numeri proseguirà per tutto il weekend, e Tria sarà in contatto telefonico con Dombrovskis e Moscovici. Ma il rientro a Roma era necessario per rifare il punto, a metà negoziato, sui margini di manovra entro i quali può continuare a muoversi. Parallelamente al negoziato tecnico, c'è poi quello politico che è in mano al presidente Juncker: anche lui dovrà valutare i progressi fatti finora nella trattativa e decidere se la Commissione è disposta ad incontrare il Governo italiano a metà strada.

Manovra, cosa resta di quota 100 e reddito di cittadinanza

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali