FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Conte incontra il segretario della Cgil e promette: il sistema fiscale è iniquo ma manderemo in galera gli evasori

Sulla Manovra il premier garantisce il mantenimento di Quota 100, anche se "non è la panacea", e torna a indicare come indispensabile "lʼalleggerimento della pressione fiscale"

L'attuale sistema fiscale è "iniquo e inefficiente". Lo dice il premier Conte incontrando il segretario Cgil Maurizio Landini ad un incontro organizzato proprio dal principale sindacato. Secondo Conte "dobbiamo arrivare a una vera alleanza tra il cittadino onesto e il fisco". Conte dice anche di essere favorevole "a pene anche detentive per i casi di conclamata evasione, chi sbaglia deve pagare pesantemente". E per quanto riguarda la crescita "il governo deve tirar fuori un piano industriale per l'Italia".

Il premier vuole parlare con tutti, comprese le parti sociali che sono state tra le prime ad essere ricevute dopo il giuramente del suo secondo mandato governativo. Conte, nel colloquio con Landini, ha parlato anche di Meridione: "Un arretramento industriale significa non recuperare più i posti: il governo deve assolutamente trovare tutti gli studenti per fronteggiare le crisi aziendali. Dobbiamo rassicurare il sistema industriale. A volte è mancata la chiarezza sugli investimenti industriali, ma non possiamo permetterci di affidarci ogni anno a segnali contradditori".

Tornando sul tema fisco, Conte ha quindi chiarito che "le definizioni agevolate per me sono una 'una tantum', i condoni non posso diventare parte integrante della disciplina fiscale". Per ridisegnare l'apparato fiscale, però, il premier chiede "un arco temporale più ampio, un periodo di 2-3 anni, fino alla fine della legislatura".

Sulla Manovra, invece, il premier sottolinea che "dobbiamo alleggerire la pressione fiscale. Noi non abbiamo molte risorse, però già quest'anno stiamo lavorando per dare un segnale significativo sul cuneo fiscale". E poi "intendiamo riproporre opzione donna. Oggi il problema vero poi sono i giovani, dobbiamo pensare a loro, rischiano seriamente di non riuscire. Ecco perché ho parlato di integrare il fondo previdenziale integrativo e occorre lavorare ad una perequazione pensionistica curando chi è in posizione svantaggiosa".

Conte è poi tornato sulla proposta green, invitando "tutti gli esponenti del mondo produttivo a considerare che già alcuni studi dimostrano che il ri-orientamento produttivo in senso sostenibile comporta un costo inizialmente ma dà vantaggi competitivi incredibili e crea occupazione".

Su Quota 100, infine, il premier ha garantito che sebbene sia "una misura temporanea, introdotta per sanare una ferita", il provvedimento "sarà mantenuto, ma non è la panacea dei problemi del sistema pensionistico".

Landini: bene confronto Conte, giudicheremo merito - "Il giudizio lo esprimeremo quando vedremo concretamente i provvedimenti: dobbiamo vedere che legge di bilancio si farà, se davvero si attivano tavoli. Sicuramente un confronto in cui si condivide una serie di temi comuni e che le soluzioni si trovano insieme va benissimo, però adesso il problema è trovarle". Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, parlando al termine dell'iniziativa con il premier Giuseppe Conte, alle Giornate del lavoro del sindacato, rispondendo a chi gli chiedeva se fosse soddisfatto. Il fatto che Conte abbia definito una iattura l'assenza del confronto con le parti sociali, "credo sia un passaggio molto importante - sottolinea ancora Landini - molti governi non lo hanno pensato. Lo stesso governo che ha presieduto in precedenza ha messo a punto una manovra che neppure il parlamento conosceva, non l'avevano discussa con nessuno. Sicuramente è un cambiamento importante, ora però voglio vedere il merito dei contenuti che si realizzeranno", rimarca il leader della Cgil.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali