FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Diciotti, tribunale ministri chiede di procedere contro Salvini | La replica: "Rischio 15 anni, vado avanti"

La procura aveva chiesto lʼarchiviazione per il caso della nave carica di migranti non fatta entrare in porto. LʼAnm si scaglia contro il ministro dellʼInterno: "Deride e delegittima i magistrati". Il senatore Pietro Grasso: "Ora rinuncia allʼimmunità, vero?"

Il tribunale dei ministri di Catania, contraddicendo la richiesta di archiviazione della Procura della Repubblica del capoluogo etneo, ha richiesto l'autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti del ministro dell`Interno Salvini per il caso Diciotti. "Rischio da 3 a 15 anni di carcere per aver bloccato gli sbarchi dei clandestini in Italia. Continuerò a difendere i confini del mio Paese", ha detto il ministro.

La Procura di Catania a inizio novembre aveva formulato la richiesta di archiviazione nei confronti di Matteo Salvini per la vicenda della nave Diciotti. I pm etnei avevano motivato la richiesta di archiviazione argomentando che il ritardo nello sbarco dei 192 migranti a bordo fu "giustificato dalla scelta politica, non sindacabile dal giudice penale per la separazione dei poteri, di chiedere in sede Europea la distribuzione dei migranti in un caso in cui, secondo la convenzione Sar internazionale, sarebbe spettato a Malta indicare il porto sicuro".

Salvini: "Ci riprovano. Non ho parole" - "Ci riprovano. Rischio da 3 a 15 anni di carcere per aver bloccato gli sbarchi dei clandestini in Italia. Non ho parole. Paura? Zero. Continuero' a lavorare per difendere i confini del mio Paese e la sicurezza degli Italiani!". Lo ha scritto Matteo Salvini su Twitter, commentando la decisione del Tribunale dei ministri di Catania.

"Mi dichiaro colpevole di aver bloccato lo sbarco" - "Sì lo rivendico, lo confesso e lo ammetto: ho bloccato la procedura di sbarco dei migranti. Mi dichiaro colpevole di questo reato". Ha detto Salvini in un video sui social: "Chiedo solo al popolo italiano se riteniate che io debba continuare a fare il ministro esercitando i doveri di ministro, oppure se dobbiamo demandare a questo o quel tribunale le politiche sull'immigrazione". "I giudici facciano i giudici, i ministri fanno i ministri ed esercitano i loro poteri".

L'Anm: "Salvini deride e delegittima i magistrati" - Le dichiarazioni odierne di Salvini a commento della decisione del tribunale dei ministri di Catania "risultano irrispettose verso i colleghi nei toni di derisione utilizzati e nei contenuti, anche laddove fanno un parallelismo tra i tempi di redazione di un provvedimento giurisdizionale, come noto previsti dalla legge, e il funzionamento di un'azienda privata". E' quanto afferma l'Anm, aggiungendo che "il rischio di una delegittimazione della magistratura, il cui operato viene fatto nel rispetto delle leggi dello Stato, è alto e va assolutamente evitato".

Grasso a Salvini: "Ora rinunci all'immunità, vero?" - Anche il senatore Pietro Grasso ha rivolto parole critiche nei confronti del vicepremier: "Come membro della giunta per le Immunità del Senato dovrò esaminare la richiesta del tribunale dei ministri di Catania. Salvini ha dichiarato a tutta pagina, non più tardi di qualche mese fa, che avrebbe rinunciato all'immunità e chiesto al Senato di farsi processare. Ripete continuamente di essere uno che mantiene la parola: non ho dubbi che lo farà anche in questo caso. Vero?".

Le Pen: "Sostegno a Salvini, giudici vergogna" - In difesa di Salvini è intervenuta la leader dell'estrema destra francese Marine Le Pen esprimendo sostegno al ministro. "Vergogna ai quei giudici politicizzati che lo perseguono per 'sequestro' - ha scritto in un tweet - e vogliono impedirgli di mettere fine all'invasione migratoria del suo Paese fermando gli sbarchi dei migranti. Solo il popolo italiano decide".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali