FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bologna, il ragazzo a cui ha citofonato Salvini: “E’ un gran c******e. Lo quereliamo”

A “Dritto e Rovescio” il 17enne racconta la paura in cui vive da quando il leader della Lega ha suonato a casa sua

“Io non ci credevo”: è così che il figlio minore della famiglia a cui Matteo Salvini ha citofonato a Bologna accusandoli di spaccio commenta gli eventi degli ultimi giorni. Se a “Dritto e Rovescio” il leader della Lega si difende per il gesto compiuto, il 17enne tunisino spiega la propria posizione. Il ragazzo abita in quella casa diventata improvvisamente centro di molte polemiche, con il padre, un fattorino in regola che ha avuto un precedente legato alla droga ventisette anni fa, e con la madre incensurata. Il fratello maggiore, invece, vive in un appartamento di un altro quartiere. “Io non ero in casa in quel momento. Quando l’ho saputo sono rimasto bloccato”, racconta il 17enne. “Mio padre mi ha tranquillizzato. Domani andiamo a fare contro denuncia. Può darsi che mi abbia rovinato la vita: chissà la gente adesso come mi vede. Lui è un gran c******e”, dichiara preoccupato".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali