FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Tra l'Infanta di Spagna e Urdangarin matrimonio finito: "Separazione di comune accordo"

La coppia non ha retto alla notizia della relazione del marito di Cristina con una collega di lavoro


Il marito dell'Infanta Cristina ammette il tradimento

"Di comune accordo abbiamo deciso di interrompere la nostra relazione matrimoniale". Con uno scarno comunicato l'Infanta di Spagna Cristina e Iñaki Urdangarin hanno annunciato la fine del loro matrimonio. La coppia non ha retto allo scandalo delle foto pubblicate da una rivista che immortalavano Urdangarin insieme alla sua amante, l'avvocatessa Ainhoa Armentia

 

 

Urgandarin non aveva nemmeno provato a negare, aveva anzi ammesso la liasion e aveva commentato che "queste cose possono succedere e noi sapremo gestirle nel migliore dei modi". Evidentemente così non è stato oppure il "migliore dei modi" per l'Infanta è stato quello di porre fine al matrimonio che durava dal 4 ottobre del 1997, quando la figlia di Juan Carlos e della regina Sofia di Spagna aveva sposato il campione di pallanuoto.

 

Nel dare l'annuncio della separazione la coppia ha comunque tenuto a precisare che resta intatto l'impegno nei confronti dei figli e ha chiesto "il massimo rispetto per questa scelta privata".  

 

POTREBBE INTERESSARTI:

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali