FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Samantha Markle attacca la sorellastra: "Meghan? Se avessi 600 milioni si ricorderebbe di me"

Non cʼè pace per la duchessa del Sussex, nuovo scontro in "famiglia"

Samantha Markle attacca la sorellastra: "Meghan? Se avessi 600 milioni si ricorderebbe di me"

Non c’è pace per Meghan Markle. Continuano gli attacchi da parte dei parenti della duchessa. Dopo che il padre ha pubblicato sui tabloid inglesi la straziante lettera della figlia, nella quale veniva accusato di averle ridotto il cuore in mille pezzi, ora è la sorellastra, Samantha, ad attaccarla: "Si interesserebbe a noi solo se avessimo 600 milioni - scrive su Twitter - è una narcisista".

Il tweet, pubblicato sull’account privato di Samantha Markle, ha scatenato una bufera sui social. In tanti hanno risposto alla sorellastra di Meghan accusandola di voler approfittare solo della visibilità della duchessa. C’è chi ricorda come la signora Samantha abbia aggiunto Markle al suo nome solo dopo il matrimonio della sorella con Harry. "Sono una Markle dal 1964, Grant era un nome usato per nascondere la mia vera identità" si giustifica la donna. 
 
Samantha non è la prima volta che si scaglia contro la moglie di Harry. I suoi ripetuti attacchi alla reputazione di Meghan hanno allarmato anche Scotland Yard che ha deciso di mettere la donna sotto sorveglianza. Samantha sarebbe stata considerata pericolosa e ossessiva. Lo scorso ottobre è stata anche allontanata da Buckingham Palace dove era stata trovata con una lettera in mano destinata proprio alla sorella.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali