FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Emissioni di CO2, screzi tra Commissione e Parlamento UE

I costruttori auto e le aziende europee in attesa di conoscere i nuovi limiti e nel frattempo cresce il ricorso ai “crediti verdi”

Lʼeconomia europea è tra le più avanzate al mondo, lʼindustria è fortemente sviluppata e inquina poco. Le emissioni di CO2 nellʼUnione Europea si sono ridotte del 25% circa dal 1990 al 2019, ma nello stesso lasso di tempo l’economia dei 28 Paesi (va incluso ancora il Regno Unito) è cresciuta di oltre il 50%. Significa che in rapporto allo sviluppo, lʼinquinamento è contenuto, più che in ogni altro continente. Eppure non ci si deve cullare sugli allori.

Le emissioni nocive vanno ancora ridotte e basta poco per accorgerci di quanto ci sia molto da fare per migliorare la qualità dellʼaria nelle città europee. Ma sugli obiettivi per il 2030 Commissione e Parlamento europei viaggiano su binari differenti, con i costruttori automobilistici in attesa sulla riva del fiume... Dalla decisione che prenderanno gli organismi comunitari dipendono gli investimenti delle aziende, non soltanto motoristiche. Il Parlamento Europeo vuole ridurre del 60% le emissioni di CO2 entro il 2030, in rapporto ai livelli del 1990, e ha così bocciato il suggerimento della Commissione Europea di un taglio del 55% (352 contro 326 i voti allʼassemblea di Strasburgo).

 

Per il settore auto la sfida è durissima. Significa abbassare le emissioni medie di CO2 delle auto di nuova immatricolazione da 95 a 50 grammi al km entro il 2030, ed è facile pensare che ci sia qualche costruttore contrario a un accordo così stringente. Anche perché cʼè chi è abbondantemente dentro i limiti (Volvo e Suzuki, ad esempio) e chi dovrà gioco forza investire in gamme prodotto più “pulite”. Nel frattempo lʼUnione Europea concede il meccanismo dei “crediti verdi”: i costruttori che hanno gamme più pulite possono cedere i loro crediti ad altri, di solito generalisti, più lontani dallʼobiettivo. Lʼhanno fatto Tesla vendendo “crediti verdi” a FCA e Volvo con Ford.

 

Logico sperare allora in un boom delle vendite di auto elettriche. Complice la pandemia, che fa ripensare un poʼ tutto, in Italia questʼanno si venderanno il 200% in più di veicoli elettrici rispetto al 2019. Nei primi 10 mesi siamo a 20.419 immatricolazioni di BEV (Battery Electric Vehicles) lungo lo Stivale. In Francia ne sono stati venduti 70.587 in 9 mesi da gennaio a settembre, in Germania 98.610 e nel Regno Unito 66.611, sempre nei 9 mesi. LʼItalia è lontana insomma, il parco circolante elettrico si aggira attorno ai 40 mila veicoli, che hanno a disposizione 16.500 punti di ricarica. Pochi evidentemente, soprattutto in previsione di un auspicato boom e con, in lontananza, lʼobiettivo UE per il 2050 di un azzeramento totale delle emissioni di CO2.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali