FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ucraina, Zelensky: "Valutiamo attentamente la questione neutralità, all'Occidente manca il coraggio" | Il giallo della prima intervista ai russi

Il presidente ucraino è tornato a chiedere maggiore sostegno militare alla Nato in un videocolloquio con i media di Mosca. Il niet russo non è servito a bloccarne la pubblicazione

Facebook

"L'Ucraina sta attentamente prendendo in considerazione la questione della neutralità".

Lo ha affermato il premier ucraino,

Voldymyr Zelensky

, nell'intervista rilasciata ad alcuni media russi diffusa da

Meduza

malgrado il divieto di Mosca. Zelensky è poi tornato a sferzare l'

Occidente

con la richiesta di un maggiore sostegno militare, accusando gli alleati di non avere abbastanza

"coraggio"

quando si tratta di difendere l'Ucraina.

 


"Servono caccia e artiglieria pesante"

-

 

Messa da parte la richiesta della no-fly zone, sempre ritenuta decisiva da Kiev per la resistenza e sempre esclusa dalla Nato per le ripercussioni di un confronto armato diretto con la Russia, Zelensky ha chiesto l'invio urgente di caccia e artiglieria pesante, senza i quali la guerra non potrà essere vinta. E, per farlo, ha evocato lo spettro della caduta della città diventata il simbolo dell'assedio, soffocata da settimane di bombardamenti e con duecentomila abitanti intrappolati e allo stremo, ma ancora capace di respingere gli invasori.


 


"Altrimenti Mariupol finirà inevitabilmente in mani nemiche"

 - Senza nuove e più decisive forniture militari, ha avvisato, Mariupol finirà inevitabilmente in mani nemiche, aprendo alla Russia quel corridoio tanto ambito con cui collegare le regioni sotto il suo controllo del Donbass e della Crimea. "L'Ucraina - ha sottolineato amaro il suo presidente - non può abbattere i missili russi con fucili e mitra".


 


Ucraina, a Kharkiv si protegge il monumento simbolo della città dai bombardamenti

Operai del comune al lavoro, a Kharkiv, per proteggere il monumento simbolo della città ucraina dalla distruzione della guerra. Intorno alla statua di Taras Shevchenko, poeta, scrittore e artista, infatti, sono stati collocati sacchi di sabbia e barricate difensive. L'altezza totale del monumento è di oltre 16 metri e la statua in labradorite grigia (originariamente nera) misura da sola 4,5 metri. Anche altri siti e statue sono messi in protezione da bombardamenti e lanci di razzi russi. Proprio nella regione di Kharkiv, intanto, le truppe ucraine hanno liberato diversi insediamenti, ma i combattimenti continuano. Lo ha annunciato su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale di Kharkiv Oleg Sinegubov. "Le forze armate ucraine non stanno solo difendendo le loro posizioni, ma stanno lanciando una controffensiva - ha scritto. - Diversi insediamenti sono già stati liberati in direzione di Malaya Rogan e lì sono in corso combattimenti". Sinegubov ha aggiunto che i combattimenti sono in corso anche nella zona di Izium, nel distretto di Kharkiv, dove le truppe ucraine occupano posizioni difensive. "Le forze armate ucraine continuano a difendere la regione di Kharkiv e non si ritirano di un solo metro", ha affermato.

Leggi Tutto Leggi Meno


"Chi guida la comunità euroatlantica?"

 - L'appello non risparmia i toni a tratti provocatori cui ha abituato gli alleati. "Chi guida la comunità euroatlantica? E' ancora Mosca, attraverso l'intimidazione?", ha chiesto Zelensky. "Il prezzo per la sicurezza dell'Ucraina e dell'Europa è piuttosto preciso: aerei e tank, sistemi missilistici di difesa e armi antinave per la nostra nazione. Sono cose che i nostri partner hanno, coperte di polvere nei loro magazzini. Tutto questo serve per la libertà non solo dell'Ucraina, ma dell'Europa", ha insistito, ribadendo di chiedere "solo l'1% di tutti gli aerei della Nato e l'1% di tutti i carri armati".


 


"L'Occidente continua a giocare a ping-pong"

- Un numero che, nella sua retorica, torna a ripetersi. "Ho parlato con i difensori di Mariupol. Se solo coloro che da 31 giorni stanno pensando come mandarci aerei e tank avessero l'1% del loro coraggio". Il leader di Kiev ha anche commentato la visita di Joe Biden in Polonia e gli incontri del presidente americano con il governo di Varsavia. Colloqui che, ha detto, "hanno riguardato quello di cui abbiamo effettivamente bisogno". Eppure, l'Occidente continua a "giocare a ping-pong per decidere chi dovrebbe mandare i jet".


 



 


La prima intervista di Zelensky ai media russi è diventata un caso

 - Per la prima volta dall'inizio del conflitto, intanto, Zelensky ha rilasciato un'intervista a media russi, per lo più di opposizione, che è subito diventata un caso. I reporter con cui ha parlato per circa due ore in videoconferenza - il caporedattore di Meduza, Ivan Kolpakov, il caporedattore di Dozhd Tv, Tikhon Dzyadko, lo scrittore e giornalista Mikhail Zigar e il corrispondente di Kommersant, Vladimir Solovyov - avevano promesso di pubblicare l'intera conversazione, senza censure.


 


Il niet di Mosca non è servito a bloccare la pubblicazione

 - Nel frattempo è arrivato il temuto niet dell'ente regolatore di Mosca, che ha diffidato i media dal trasmettere o pubblicare le dichiarazioni del leader di Kiev, aprendo un'indagine nei confronti dei giornalisti coinvolti. Ma poi, sul sito di opposizione Meduza, che ha la sua base in Lettonia, è apparsa l'intervista integrale, con tanto di video, sotto un titolo inequivocabile: "Questa non è solo una guerra. E' molto peggio". Il leader ucraino vi dice, tra l'altro, che la questione della "neutralità" di Kiev viene "attentamente considerata".


 


"Profonda spaccatura con la Russia, difficile da superare"

 - "Dopo l'inizio dell'aggressione armata della Federazione russa contro l'Ucraina, c'è stata una profonda spaccatura storica e culturale tra ucraini e russi, che difficilmente verrà superata nei prossimi anni", ha dichiarato Zelensky nell'intervista rilasciata ai media russi. "Di denazificazione e smilitarizzazione non ne discutiamo affatto" con Mosca, "ho detto che non ci sediamo affatto a un tavolo se parliamo di qualche 'smilitarizzazione', o di qualche 'denazificazione'", ha aggiunto. 


 



 


TI POTREBBE INTERESSARE:



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali