FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ucraina, Biden: "Putin è un macellaio, un dittatore non può restare al potere" | Ira del Cremlino: "Trattative più difficili, non decide lui su chi governa in Russia"

Per il presidente americano l'articolo 5 della Nato "è un obbligo sacro". Per il Cremlino "gli insulti Usa riducono lo spazio delle trattative". Il Washington Post: "Casa Bianca sorpresa dalle dichiarazioni di Biden"

"Vladimir Putin è un macellaio".

Lo afferma

Joe Biden

durante l'incontro con i rifugiati ucraini a Varsavia. Il presidente Usa ha poi ribadito il sostegno americano alla Polonia. "Riteniamo l'articolo 5 della Nato un obbligo sacro", ha detto Biden riferendosi a quella parte del trattato secondo cui un attacco armato, contro uno o più membri dell'Alleanza, sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti. Biden ha poi sottolineato come

Putin

sia un

dittatore

che "cerca di ricostruire un impero" e "un

dittatore non può restare al potere

". Le parole del presidente americano hanno scatenato l'ira del Cremlino: "Trattative più difficili con gli insulti, non decide Biden su chi governa in Russia".


 


Le parole del presidente americano hanno immediatamente provocato

la reazione del Cremlino

. "Non è qualcosa che decide Biden. È solo una scelta dei cittadini della Federazione Russa", ha fatto sapere il portavoce Dmitry Peskov. Poco dopo è stata la stessa Casa Bianca ad aggiustare il tiro, spiegando che Biden "non stava parlando di un cambio di regime in Russia".


 


Biden: "Al fianco dell'Ucraina fino alla vittoria" -

Incontrando, sempre a Varsavia, i ministri di Esteri e Difesa di Kiev, Biden ha poi assicurato che gli Stati Uniti resteranno al fianco dell'Ucraina fino alla vittoria."Niente costringerà gli Stati Uniti a voltare le spalle all'Ucraina o indebolirà il nostro sostegno. Al contrario, questo sostegno non potrà che crescere", ha aggiunto il presidente Usa.


 


Biden: "Nuove sanzioni per Mosca e ulteriori aiuti per Kiev" -

Biden ha poi garantito "ulteriori sforzi per aiutare l'Ucraina a difendere il suo territorio" e per far sì che il presidente russo Vladimir Putin "risponda per la brutale aggressione da parte della Russia, comprese nuove sanzioni".


 


La visita di Biden a Varsavia: incontro con Duda e con due ministri di Kiev

Il presidente Joe Biden ha incontrato a Varsavia il presidente polacco Andrzej Duda. Nella capitale polacca il capo della Casa Bianca ha avuto un meeting anche con i ministri degli Esteri e della Difesa ucraini, Dmytro Kuleba e Oleksii Reznikov.

Leggi Tutto Leggi Meno


 


Cremlino: "Insulti Biden a Putin riducono spazio trattative" -

Dopo le parole di Biden non si è fatta attendere la reazione di Mosca. "I nuovi insulti di Biden a Putin restringono ulteriormente la finestra di opportunità per ricucire i rapporti tra Russia e Stati Uniti". Lo afferma il Cremlino, citato dalla Tass. "E' strano sentire accuse contro Putin da Biden, che ha invitato a bombardare la Jugoslavia e
a uccidere le persone", ha quindi aggiunto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. 


 


Biden: "Prepariamoci ad una lunga battaglia per la libertà"

- "Prepariamoci ad una lunga battaglia per la libertà", ha detto poi Biden nel corso della visita al Castello Reale di Varsavia. "L'Ucraina è in prima linea nella battaglia per la libertà. Siamo con il popolo ucraino", ha aggiunto il presidente Usa, sottolineando che le azioni della Russia minacciano di portare "decenni di guerra" e che Mosca sta "strangolando la democrazia" e vuole farlo "non solo in casa sua": "non ci sono giustificazioni per l'invasione dell'Ucraina". 


 


Biden cita Papa Giovanni Paolo II -

Biden ha poi citato le parole di Giovanni Paolo II. "Non abbiate paura", ha detto infatti il presidente americano, ricordando come quelle parole, con cui il Papa inaugurò il suo pontificato, "cambiarono il mondo".



Washington Post: "Biden a braccio, Casa Bianca colta di sorpresa su Putin" -

 I funzionari della Casa Bianca sono stati colti di sorpresa da Joe Biden: nel discorso pronunciato a Varsavia non c'era nessun riferimento al fatto che Vladimir Putin non potesse restare al potere. Il presidente americano lo ha detto a braccio. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti. Non è comunque la prima volta che Biden decide di lanciare un messaggio autonomamente. Lo ha fatto nei giorni scorsi parlando di Putin come un criminale di guerra e lo ha fatto molte volte in passato. 


 


Capo gabinetto di Zelensky: "Delusioni da vertici Nato e Ue" -

"Siamo molto delusi dal risultato dei vertici della Nato e dell'Ue": lo ha affermato Andriy Yermak, capo di gabinetto del presidente ucraino Zelensky, intervenendo in video all'Atlantic Council di Washington, uno dei principali think tank Usa. Yermak, riporta il Washington Post, ha quindi criticato la linea portata avanti da Stati Uniti ed Europa definendola di "acquiescenza". "Ci aspettavamo più coraggio, decisioni più forti. Invece la Nato sembra preoccupata più a non provocare la Russia e ad evitare una escalation del conflitto. Mentre noi abbiamo bisogno di cose molto concrete e siamo costretti a ricordarvelo ripetutamente".


 


Forse potrebbe interessarti anche:



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali