TRENTATREESIMO GIORNO DI GUERRA

Telefonata con Draghi, Zelensky: "Italia disponibile a garantire nostra sicurezza" | Biden: "Putin? Non ritratto niente"

Il nuovo round di negoziati tra Kiev e Mosca si terrà "in presenza", in Turchia, dal 29 al 30 marzo. Zelensky vuole l'Italia tra i garanti della sicurezza: "Pronti ad accettare lo status di Paese neutrale"

28 Mar 2022 - 23:31
LIVE
Ultimo aggiornamento: 2 anni fa

L'Ucraina entra nel trentatreesimo giorno di guerra. In una telefonata il premier Draghi ha ribadito al presidente Zelensky il pieno sostegno dell'Italia all'Ucraina. Per il G7, il pagamento del gas russo in rubli è inaccettabile. Ma il Cremlino non cede e fa sapere che la Russia non distribuirà gratis il proprio gas, "non faremo beneficenza". Intanto il sindaco di Irpin annuncia che la città "è stata liberata dal male di Mosca". A Mariupol quasi 5mila morti nell'assedio, 210 sono bimbi. Biden: "Putin? Non ritratto nulla, esprimevo il mio sdegno".


La Russia non chiede più che l'Ucraina venga "denazificata" ed è pronta a lasciare che Kiev aderisca all'Ue a patto che rimanga militarmente non allineata. Lo riferiscono al Financial Times quattro persone informate sui negoziati tra russi e ucraini. Nella bozza del documento per il cessate il fuoco, sottolineano le fonti, non compaiono più le parole "denazificazione", "smilitarizzazione" e protezione legale per la lingua russa.


"La compagnia militare privata russa, il gruppo Wagner, si è già schierata nell'Ucraina orientale. Ci aspettiamo che dispieghino più di mille mercenari, inclusi alti dirigenti dell'organizzazione, per intraprendere operazioni di combattimento". Lo ha twittato il ministero della Difesa britannico. 


Le richieste della Russia di riconoscere l'annessione della Crimea e l'indipendenza della regione del Donbass sono "molto massimaliste" e "non realistiche". Lo ha detto Ibrahim Kalin, portavoce del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, alla Cnn. "Queste sono le linee rosse per gli ucraini in Crimea e nel Donbass, e giustamente, perché riguardano direttamente l'integrità territoriale e la sovranità dell'Ucraina. Non abbiamo riconosciuto l'annessione della Crimea poiché, come il resto del mondo, anche la Cina non ha riconosciuto l'annessione della Crimea... i russi dovrebbero davvero trovare altre idee", ha detto.


"Non ritratto nulla". Lo ha detto Joe Biden a proposito delle frasi su Vladimir Putin, sottolineando di aver espresso "il suo sdegno" per la guerra in Ucraina. Biden ha però precisato che si trattava di "un'opinione personale" e non di un'indicazione politica su un eventuale cambio di regime in Russia. Secondo il presidente americano, i suoi commenti sul leader del Cremlino non complicheranno la diplomazia per risolvere il conflitto in Ucraina.


La delegazione ucraina è giunta ad Istanbul in vista dei colloqui di domani. Lo rende noto la tv turca Ntv. I negoziati tra le delegazioni di Russia e Ucraina si terranno a porte chiuse da domani a partire dalle 10:30 locali (le 9:30 in Italia) negli uffici della residenza presidenziale turca nel palazzo di Dolmabahce, a Istanbul.


Il Pentagono ha annunciato l'invio in Germania di sei aerei della Marina specializzati in guerra elettronica, insieme a circa 240 militari della Us Navy, per rafforzare il fianco orientale della Nato. I velivoli EA-18G "Growler", di stanza alla base navale di Whidbey Island, nello Stato di Washington, arriveranno lunedì alla base aerea di Spangdahlem ma, ha precisato il portavoce della difesa Usa John Kirby, non saranno usati per il conflitto in Ucraina.




"I vari governi stanno utilizzando un sistema d'immediato intervento nei confronti delle famiglie che stanno ospitando i profughi ucraini arrivati nei nostri Paesi. Per quanto riguarda l'Italia, tramite i comuni e il commissario per la protezione civile, stiamo valutando un contributo economico". Lo ha detto il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese al termine del Consiglio straordinario per gli affari interni a Bruxelles. Al centro del Consiglio proprio la traduzione in misure pratiche per garantire i diritti dei profughi e la fornitura di assistenza.


"La nostra Irpin è stata liberata dal male di Mosca! Gloria all'Ucraina". Lo afferma su Telegram il sindaco della città alle porte di Kiev, Alexander Markushin. 


"Penso che abbiamo bisogno di una riduzione dell'escalation, serve una de-escalation militare e della retorica". Così il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha risposto alla richiesta di commentare la frase del presidente Usa Joe Biden secondo cui Vladimir Putin "non pulò rimanere al potere".


L'oligarca russo Roman Abramovich e i negoziatori ucraini hanno sofferto sintomi di sospetto avvelenamento dopo un incontro a Kiev all'inizio del mese. Lo riporta il Wall Street Journal citando alcune fonti, secondo le quali il sospetto attacco potrebbe essere stato commesso da alcuni a Mosca che volevano sabotare le trattative per mettere fine alla guerra.


"Prosegue il dialogo con il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi. Abbiamo discusso la via per contrastare l'aggressione russa. Ho ringraziato per l'importante difesa e il supporto umanitario. Il popolo ucraino lo ricorderà. Apprezziamo la volontà dell'Italia di partecipare alla creazione di un sistema di garanzie di sicurezza per l'Ucraina". Così il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, su Twitter.


Sono quasi cinquemila le persone morte nell'assedio russo a Mariupol, tra cui 210 bambini. Lo afferma il sindaco della città portuale ucraina, Vadym Boychenko. L'assedio di Mariupol è in corso da 28 giorni e secondo il primo cittadino 140mila persone sono riuscite a fuggire prima che le vie d'uscita venissero chiuse, mentre altre 150mila sono state evacuate successivamente e 30mila "deportate" in Russia o nelle zone occupate dai russi nell'est dell'Ucraina. In città restano bloccate circa 170mila persone.

Durante l'assedio, ha riferito ancora il sindaco, i bombardamenti hanno danneggiato 2.340 condomini e 61.200 edifici privati. Sono stati distrutti tre ospedali, altri sette sono stati danneggiati, oltre a 57 scuole e 70 asili nido, due fabbriche, un porto e un'unità militare.


Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto oggi pomeriggio una nuova conversazione telefonica con il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky. Lo riferisce Palazzo Chigi. Draghi ha ribadito il fermo sostegno del governo italiano alle autorità e al popolo ucraini e la piena disponibilità dell'Italia a contribuire all'azione internazionale per porre fine alla guerra e promuovere una soluzione durevole della crisi in Ucraina.


Le autorità di Mosca stanno lavorando a misure per limitare la concessione di visti per la Russia ai cittadini dei Paesi coinvolti in "attività ostili da parte da parte di alcuni Paesi stranieri". Lo ha detto il ministro degli Esteri Serghei Lavrov citato da Interfax.


L'Europa non vuole pagare il gas in rubli? Certamente la Russia non distribuirà gratis il proprio gas, "non faremo beneficenza". Lo ha garantito il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov secondo la Tass. Peskov non si è sbilanciato sulle contromisure che Mosca potrebbe adottare al diniego occidentale sul pagamento delle forniture in rubli come richiesto dall'amministrazione russa riferendosi a "Paesi ostili" non meglio identificati. "Ma di sicuro non forniremo gas gratuitamente, questo è certo. E' quasi impossibile fare beneficenza nella nostra situazione", ha aggiunto Peskov.


Il G7 ritiene che chiedere il pagamento del gas russo in rubli non sia "accettabile". Lo afferma il G7 in una dichiarazione resa nota da Berlino in quanto presidente di turno.


Si è svolta questa mattina all'Unità di Crisi della Farnesina una riunione di coordinamento, presieduta dal ministro Di Maio, con l'ambasciata italiana in Ucraina e l'ambasciata italiana in Russia. Durante la riunione si è fatto il punto sugli italiani presenti in Ucraina. Lo stesso Di Maio ha ribadito che i connazionali sono scesi a 186. All'inizio del conflitto gli italiani in Ucraina erano 2.000.
 




I negoziati tra l'Ucraina e la Federazione Russa a Istanbul potrebbero iniziare domani alle 10 locali, le 9 in Italia. Lo ha affermato il membro della delegazione ucraina David Arahamiya, come riporta Ukrinform. Secondo Arahamiya, l'inizio dei colloqui è stato posticipato a causa di problemi logistici.


"Alcuni dei sindaci che erano stati rapiti dalle forze russe sono stati ritrovati morti". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyi in un'intervista all'Economist. "Stanno rapendo i sindaci delle nostre città. Ne hanno uccisi alcuni. Alcuni di loro non li troviamo. Alcuni li abbiamo già trovati e sono morti", ha detto Zelenskyi. Nei giorni scorsi i media ucraini avevano sottolineato che erano almeno 14 i sindaci sequestrati.


Nelle ultime 24 le truppe russe hanno bombardato la regione di Kharkiv più di 200 volte con artiglieria e mortai, con lanciarazzi multipli e Tornado con munizioni a grappolo vietate. Lo ha riferito il capo dell'amministrazione militare regionale di Kharkiv Oleh Synegubov su Telegram, citato dal Kyiv Independent. Secondo Sinegubov, le forze armate ucraine hanno contrattaccato in alcune aree.


"Il nostro presidente ha lanciato l'iniziativa U24, United for peace, per creare un gruppo di Paesi capace di dare una risposta entro 24 ore in caso di aggressione. Secondo il nostro presidente, di questo gruppo dovrebbero far parte i membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu, più la Germania, il Canada, la Turchia e anche l'Italia. Sono contento di vedere l'Italia in questo elenco". Lo ha detto l'ambasciatore ucraino a Roma, Yaroslav Melnyk.


Il Cremlino definisce "allarmanti" i commenti del presidente americano Joe Biden sul leader russo Vladimir Putin.


Un incontro tra il presidente Russo Vladimir Putin e quello ucraino Volodymyr Zelensky per un mero scambio di posizioni sarebbe "controproducente" adesso. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov secondo quanto riporta l'agenzia Interfax. 


La Cina vede "il dialogo e la negoziazione come l'unico modo corretto per risolvere la questione ucraina: ciò che tutte le parti devono fare urgentemente ora è alleviare la situazione, promuovere i colloqui e porre fine alla guerra, piuttosto che intensificare i conflitti". E' il commento del portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin.


Il presidente russo Vladimir Putin ha incaricato il Consiglio dei ministri, la Banca centrale e Gazprom di attuare misure per modificare la valuta di pagamento delle forniture di gas ai Paesi dell'Ue e a tutti quelli che hanno introdotto misure restrittive nei confronti di Mosca. Dal 31 marzo il pagamento dovrà essere effettuato in rubli. Lo riporta Ria Novosti.


"L'Eni non pagherà il gas russo in rubli". Lo ha detto l'amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi, secondo l'agenzia Bloomberg. "Eni non ha rubli; i contratti prevedono il pagamento del carburante in euro e i contratti dovrebbero essere modificati per cambiare i termini", ha poi affermato sottolineando che "l'Europa dovrebbe guardare all'Africa per più forniture di gas". 


Nessun corridoio umanitario oggi in Ucraina per motivi di pubblica sicurezza. Lo fa sapere la vice prima ministra Iryna Vereshcuk su Telegram. "Avvertimento: la nostra intelligence ha riportato possibili provocazioni da parte degli occupanti sulle rotte dei corridoi umanitari. Pertanto per motivi di pubblica sicurezza, oggi non apriamo corridoi umanitari".


La Croce Rossa non è ancora in grado di far entrare alcun aiuto nella città di Mariupol assediata poiché richiede che la Russia e l'Ucraina garantiscano un passaggio sicuro. Lo ha detto il Comitato Internazionale della Croce Rossa (Cicr), citato dalla Bbc. "Le parti devono essere i garanti e avere un accordo per permettere un passaggio sicuro. Devono pubblicizzare il percorso e lasciare molto tempo alle persone per uscire", ha detto alla Bbc il portavoce del Cicr Matt Morris.


Sale a 143 il bilancio dei bambini morti in Ucraina dall'inizio del conflitto, mentre quelli feriti sono 216. È il bilancio fatto dalla commissaria per i diritti umani del Parlamento ucraino, Lyudmila Denisova.


Le forze di difesa ucraine riferiscono che cinque attacchi delle forze russe nelle regioni di Donetsk e Lugansk sono stati respinti. Nel bollettino quotidiano sull'andamento della guerra si spiega che a Donetsk e Lugansk gli ucraini hanno distrutto due carri armati, un veicolo di fanteria e un'auto. Mentre le forze aeree hanno distrutto quattro aerei, un elicottero e due velivoli senza pilota.


Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato il "numero impressionante di persone nelle piazze d'Europa e in altri continenti" che protestano contro l'aggressione russa in Ucraina. "Questo è estremamente importante. Perché quando le persone sono in piazza, i politici non faranno più finta di non sentire noi e voi, di non sentire l'Ucraina", ha spiegato nel suo ultimo messaggio sui social. "Non permetteremo a nessuno di dimenticare le nostre città, Mariupol e altri centri che le forze russe stanno distruggendo. Sempre più persone nel mondo sono dalla parte dell'Ucraina, dalla parte del bene in questa battaglia contro il male. E se i politici non sanno seguire le persone, noi gli insegneremo. Questa è la base della democrazia e del nostro carattere nazionale".


L'Ucraina è pronta ad accettare uno status di neutralità come parte di un accordo di pace con la Russia. Lo ha detto Volodymyr Zelensky, in un'intervista con giornalisti indipendenti russi riportata dalla Cnn. "Garanzie di sicurezza e lo status neutrale e non nucleare del nostro Stato: siamo pronti ad accettarlo. Questo è il punto più importante", ha riferito il presidente ucraino. "Era il primo punto di principio per la Federazione Russa, per quanto ricordo. E per quanto ricordo hanno iniziato la guerra per questo".


Le forze russe hanno lasciato Slavutych, città appena fuori dalla centrale nucleare di Chernobyl in cui risiedono i lavoratori del sito. Lo riportano i media internazionali, citando fonti locali.


La Germania sta valutando l'acquisto di un sistema di difesa antimissile per proteggersi da un potenziale attacco russo. Lo ha affermato il cancelliere tedesco Olaf Scholz.


Nel suo ultimo rapporto operativo, l'esercito dell'Ucraina sostiene che la Russia ha ritirato le truppe che circondavano Kiev dopo aver subito perdite significative. Il ritiro ha "drasticamente ridotto" l'intensità dell'avanzata di Mosca, aggiunge lo Stato maggiore delle forze armate ucraine. I funzionari militari affermano poi di ritenere che la Russia stia trasportando missili "Iskander" a Kalinkavichy, nel sud-est della Bielorussia.


In un nuovo videomessaggio pubblicato sui social media, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che l'Ucraina sta cercando la pace "senza alcun indugio". Aggiungendo che l'obiettivo "ovvio" di Kiev è il ripristino di una vita normale per il Paese. Il prossimo round di colloqui tra Ucraina e Russia si svolgerà il 29 e il 30 marzo in Turchia.


In un video iniziato a circolare online si vedono quelli che sembrano essere soldati ucraini sparare alle ginocchia a presunti prigionieri russi durante un'operazione nella regione di Kharkiv. Interpellato in merito, il consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Arestovych ha dichiarato: "Il governo lo sta prendendo molto sul serio e ci sarà un'indagine immediata. Siamo un esercito europeo e non prendiamo in giro nostri prigionieri. Se è accaduto davvero, si tratta di un comportamento assolutamente inaccettabile". Secondo il capo delle forze armate ucraine Valerii Zaluzhnyi, però, sarebbe tutta una montatura volta a screditare l'esercito di Kiev.


Le forze russe stanno continuando in queste ore a effettuare attacchi missilistici su tutta l'Ucraina. Lo afferma Mikhail Podoliak, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky. In un posto su Twitter, Podoliak cita in particolare le città di Lutsk, Kharkiv, Zhytomyr e Rivne come bersagliate da Mosca. "Sempre più missili ogni giorno. Mariupol sotto un bombardamento 'a tappeto'", scrive il consigliere di Zelensky. "La Russia non ha più umanità, civiltà. Solo missili, bombe e tentativi di cancellare l'Ucraina dalla faccia della terra", commenta Podoliak.


"No". Così Joe Biden ha risposto a chi gli chiedeva se nel discorso pronunciato a Varsavia, in cui ha detto che Vladimir Putin "non può restare al potere", facesse riferimento a un cambio di regime in Russia. Lo riferiscono i giornalisti al seguito del presidente americano, che lo hanno interpellato all'uscita dalla messa in una chiesa a Georgetown.


Il campione di kickboxing ucraino Maksym Kagal è stato ucciso, durante un combattimento, mentre difendeva Mariupol. Lo riporta il Kyiv Independent che cita l'allenatore dello sportivo.

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri