FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ucraina, Kuleba contro la Nato: "Non fa nulla di fronte all'aggressione russa" | Poi smentisce Zelensky: "Non abbiamo precondizioni per ripresa dei negoziati"

Il ministro al Forum di Davos: "In Donbass situazione estremamente negativa per noi, il nostro sogno sono i tank Leopard tedeschi"

Stoltenberg Nato
Ansa

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha accusato la Nato di "non fare letteralmente nulla" per far fronte all'aggressione russa.

Intervenendo al Forum economico di

Davos

, in Svizzera, Kuleba ha invece lodato le "decisioni rivoluzionarie" assunte dall'Unione europea contro Mosca. "Noi vediamo la Nato come un'alleanza, come un'istituzione messa ai margini che non sta facendo nulla".

"Nato e Ue? La guerra ha fatto cadere le maschere" -

Kuleba ha detto che, prima dell'inizio della guerra il 24 febbraio, gli ucraini vedevano la Nato come "una potenza" e l'Ue come un'istituzione che "non faceva che esprimere preoccupazioni". Ma - ha aggiunto - "la guerra ha fatto cadere le maschere". E si sono viste "decisioni rivoluzionarie prese dall'Unione europea, che loro stessi non s'attendevano di prendere". Così, mentre l'Ucraina ha iscritto le aspirazioni euroatlantiche nella sua Costituzione, ora vede come priorità l'adesione all'Ue.


 


"Nessuna precondizione per la ripresa dei negoziati" -

Sulla ripresa dei negoziati, il ministro ha detto che l'Ucraina non ha precondizioni, smentendo quanto detto finora dal presidente Zelensky. "Non abbiamo precondizioni - ha spiegato -.Il problema è che la Russia non sta mandando alcun messaggio di voler davvero sedersi e parlare in buona fede. Apprezziamo ogni sforzo che punti a trovare una soluzione diplomatica ma quello che vediamo sul terreno e dalla analisi delle decisioni prese da Mosca è che la Russia si focalizza sulla guerra e non sulla diplomazia. Siamo d'accordo sul fatto che il cessate il fuoco possa servire, ma sono convinto al 100% che nel momento in cui la Russia dovesse accettarlo, sarà solo per non perdere la guerra, fino a quel momento la guerra continuerà", ha aggiunto. 


 


Putin per la prima volta visita (coi suoi fotografi) i feriti russi della guerra in Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin si è presentato all'ospedale militare centrale Mandrika di Mosca per visitare per la prima volta alcuni dei soldati feriti nella guerra in Ucraina. Putin, con indosso un camice bianco, è stato accompagnato dal ministro della Difesa Serghei Shoigu (oltre che dal suo fotografo personale). 

Leggi Tutto Leggi Meno


 


"Occidente fornisca le armi necessarie, o ci saranno più morte e distruzione" -

Sulla situazione nel Donbass, il capo della diplomazia ha detto che è "estremamente negativa" per le truppe ucraine e ha chiesto all'Occidente di fornire i lanciarazzi multipli Mlrs il prima possibile. Se Kiev non dovesse ricevere queste armi missilistiche a breve, la situazione diventerà "ancora peggiore". Poi, rivolgendosi a Berlino, ha aggiunto: "Il nostro sogno sono i tank Leopard tedeschi. Se non avremo le armi necessarie, ciò porterà a più morte e distruzione", ha precisato.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali