LA GIORNATA IN TEMPO REALE

Ucraina, Zelensky ai leader Ue: "Ora dateci le difese aeree" | Missili russi su Chernihiv, almeno 17 morti

I russi martellano le linee ucraine al fronte, le città e le centrali elettriche mentre i missili della contraerea di Kiev sono praticamente esauriti

di Redazione online
17 Apr 2024 - 22:34
LIVE
Ultimo aggiornamento: 2 mesi fa

La guerra in Ucraina è giunta al giorno 784. I russi martellano le linee ucraine al fronte, le città, le centrali elettriche e Kiev ormai quasi non può che stare a guardare, perché i missili della contraerea sono esauriti. Mosca ha lanciato tre attacchi missilistici nei pressi del centro di Chernihiv, provocando almeno 17 morti e oltre 60 feriti. "Questo non sarebbe successo se l'Ucraina avesse ricevuto sufficienti attrezzature di difesa aerea", ha tuonato Zelensky. Il presidente ucraino ha sentito il segretario della Nato Stoltenberg e ha chiesto "misure immediate per rafforzare la difesa aerea". Messaggio che ha ribadito con forza rivolgendosi ai leader Ue riuniti a Bruxelles: "Meritiamo la stessa difesa di Israele".


"Il Consiglio europeo sottolinea la necessità di fornire urgentemente difesa aerea all'Ucraina e di accelerare e intensificare la fornitura di tutta l'assistenza militare necessaria, comprese munizioni di artiglieria e missili. Invita il Consiglio, in particolare nella sua prossima riunione, e gli Stati membri a garantire il necessario seguito". E' quanto si legge nel capitolo sull'Ucraina delle conclusioni del Consiglio europeo appena adottate dai leader.


"La Russia non rinuncia al ricatto delle radiazioni e, in particolare, continua a giocare brutalmente con la sicurezza della centrale nucleare di Zaporizhzhia: non escludiamo che anche le infrastrutture delle altre centrali nucleari e le reti di distribuzione siano minacciate dal terrore russo. Questo può essere fermato solo dalla difesa aerea, da sistemi specifici come Patriot, IRIS-T, SAMP-T, NASAMS. Sistemi che voi avete. Sono necessari in Ucraina in questo momento, per impedire a Putin di affidarsi a metodi terroristici". Lo ha detto Volodymyr Zelensky ai leader Ue.


"l cieli ucraini e quelli dei nostri vicini meritano la stessa sicurezza. E ringrazio tutti coloro che percepiscono il nostro bisogno di sicurezza come un bisogno di sicurezza uguale per tutti, perché tutte le vite hanno lo stesso valore. La nostra capacità di difenderci dal terrore russo e le armi nelle mani dei nostri soldati sono qualcosa che funziona non solo per l'Ucraina, ma per tutti voi. E ringrazio ognuno di voi che lo capisce e agisce di conseguenza". Lo ha detto, parlando ai leader dei 27, il presidente ucraino Volodymir Zelesnky ricordando come Kiev non abbia lo stesso livello di difesa aerea di Israele.


L'Ucraina deve rafforzare le difese antiaeree di fronte ai bombardamenti russi, in particolare dopo l'attacco che ha ucciso 17 persone a Chernihiv. Lo ha dichiarato, rivolgendosi al segretario generale della Nato, il presidente Volodymyr Zelensky. "L'Ucraina ha bisogno di misure immediate per rafforzare le sue difese antiaeree", ha indicato Zelensky su X, affermando di aver informato Jens Stoltenberg di questo attacco e di quelli che hanno preso di mira la rete elettrica ucraina nelle ultime settimane.


"La brutale guerra di aggressione della Russia continua. Sappiamo che dobbiamo fare di più di quanto stiamo già facendo per sostenere l'Ucraina. Soprattutto per quanto riguarda la difesa aerea. La Germania ha già fornito due sistemi Patriot e ora ne consegnerà un altro. Questo è direttamente utile per l'Ucraina, ma vogliamo incoraggiare anche gli altri a fare lo stesso e a verificare quali possibilità hanno nelle loro scorte". Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, al suo arrivo a Bruxelles per il vertice Ue. 


Il G7 Esteri di Capri "vuole accelerare sulla consegna di sistemi di difesa aerea all'Ucraina". Lo riferisce una fonte vicina ai lavori del vertice sottolineando che la questione "sarà uno dei temi" sul tavolo della riunione dei capi delle diplomazie dei sette Grandi. "Nei loro colloqui i direttori politici e gli sherpa si stanno occupando di come fare avanzare il tema di fornire maggiore difesa aerea" a Kiev, ha aggiunto la fonte. 


Sono saliti a 17 i morti per il raid russo sulla città ucraina di Chernihiv. Tre missili da crociera Iskander di Mosca hanno colpito un'area del centro della città, distruggendo un edificio di otto piani e causando anche 61 feriti, tra cui tre bambini. Danneggiati anche quattro grattacieli, un ospedale, un istituto di istruzione superiore e decine di automobili. Chernihiv si trova a circa 150 chilometri a nord di Kiev, vicino al confine con Russia e Bielorussia. 


Droni dell'intelligence militare ucraina hanno attaccato la fabbrica di aerei Gorbunov a Kazan, nel Tatarstan, a est di Mosca, dove vengono prodotti e riparati i bombardieri strategici Tu-22M e Tu-160M. Lo riporta Rbc-Ucraina citando fonti dei servizi speciali. 


Secondo il canale Telegram Crimean wind, nelll'attacco notturno all'aeroporto militare russo di Dzhankoy, in Crimea, "circa 30 militari russi sono stati uccisi e circa 80 sono stati feriti. A causa della mancanza di posti sufficienti nell'ospedale di Dzhankoy, i feriti vengono trasportati con elicotteri a Sebastopoli". Il deposito di missili Zircon e S-300 dentro l'aeroporto è stato distrutto. L'aeroporto militare è un hub logistico attraverso cui vengono rifornite le truppe russe nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhia.


Secondo il servizio di emergenza ucraino a Chernihiv i bombardamenti russi di questa mattina hanno provocato 14 morti e 61 feriti, tra cui due bambini. Tra le vittime l'agente di polizia Alina Nikolayets, 25 anni, uccisa da una scheggia. "È probabile che ci siano ancora persone intrappolate sotto le macerie di un edificio parzialmente distrutto", hanno detto i soccorritori. Secondo il sindaco della citta' i missili hanno danneggiato 16 palazzi.


"Ora il 30% del pil russo è dedicato alla difesa, le fabbriche producono 24 ore su 24 e in alcuni casi sono state nazionalizzate le catene del valore sono state ottimizzate ed evadono le sanzioni facilmente: i russi ora producono annualmente il triplo delle munizioni di artiglieria di Usa e Ue insieme". Lo ha detto James Appathurai, vice assistente del Segretario Generale della Nato per l'Innovazione, l'Ibrido e il Cyber al forum europeo sulla sicurezza e la difesa. "È chiaro che dobbiamo fare le cose in modo diverso, e comunicarlo agli europei e ai canadesi".


Continuano le operazioni di soccorso a Cherniv dopo un attacco missilistico russo. "Le persone sono intrappolate sotto le macerie. Al momento, 10 risultano morte e 20 ferite. Le mie condoglianze alle famiglie e agli amici. Purtroppo, il bilancio delle vittime potrebbe salire", ha scritto su Telegram il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "Questo non sarebbe successo se l'Ucraina avesse ricevuto sufficienti attrezzature di difesa aerea e se la determinazione del mondo a contrastare il terrore russo fosse stata sufficiente. Il sostegno conta".


L'esercito russo ha lanciato nella mattinata tre attacchi missilistici nei pressi del centro di Chernihiv, città dell'Ucraina settentrionale, provocando morti e feriti. Il sindaco Oleksandr Lomako ha dichiarato che è stata colpita una infrastruttura.


La Cina ritiene ci sia ancora "molto lavoro" da fare prima che si possa tenere la conferenza di pace sulla guerra in Ucraina programmata in Svizzera. Parole che arrivano dopo che il cancelliere tedesco Olaf Scholz su X ha dichiarato che il presidente Xi Jinping ha accettato di sostenere l'importante evento a seguito di un lungo incontro avuto martedì a Pechino. "Secondo quanto ci risulta, l'incontro è ancora in preparazione e c'è ancora molto lavoro da fare", ha osservato sul punto il portavoce del ministero degli Esteri Lin Jian, per il quale "l'unica via d'uscita dalla crisi ucraina è al tavolo dei negoziati".


Il bilancio dei soldati russi morti in Ucraina ha superato la soglia dei 50.000: il conteggio nel secondo anno di guerra è stato superiore di quasi il 25% rispetto al primo. L'aggiornamento è stato realizzato da Bbc Russia e dal gruppo di media indipendenti Mediazona. Nel secondo anno di combattimenti sono morti più di 27.300 soldati russi. "Il bilancio complessivo è 8 volte superiore all'ammissione ufficiale di Mosca.


Nnella notte ci sono state esplosioni e vasti incendi dentro e vicino l'aeroporto militare russo di Dzhankoy, in Crimea, penisola annessa unilateralmente da Mosca dieci anni fa. Lo ha reso noto il gruppo di monitoraggio Crimean Wind. Secondo i residenti, le esplosioni sono avvenute prima che fosse annunciato l'allarme aereo. "Il satellite VIIRS/Suomi NPP ha registrato sei focolai di potenti incendi presso l'aeroporto militare russo di Dzhankoya. L'ora della ripresa era alle 3:41, ora di Mosca", afferma Crimean Wind.


Le forze russe hanno colpito 13 comunità nell'oblast di Sumy, nel nord-est dell'Ucraina, in 35 attacchi separati nel corso della giornata del 16 aprile. Lo ha riferito l'amministrazione regionale, ripresa dai media ucrainia. Nelle ultime 24 ore, nella regione, sono state segnalate almeno 218 esplosioni.


"Stiamo lavorando attivamente per garantire che il primo vertice globale sulla pace di giugno (in Svizzera) produca risultati. Sono grato a tutti i leader e agli Stati che hanno espresso la loro volontà di parteciparvi nell'ultima settimana", "in particolare ringrazio il cancelliere tedesco Olaf Scholz per la sua leadership e la comunicazione internazionale su questo tema, nonché per i segnali che abbiamo ricevuto da Pechino. La Cina può davvero contribuire al ripristino della pace giusta in Ucraina e alla stabilità internazionale". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sui social dopo l'incontro tra Scholz e Xi.

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri