FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Shock a Berlino, sfregiate 63 opere d'arte nei musei

Gli atti di vandalismo sarebbero accaduti il 3 ottobre allʼAlte National Galerie, al Neues Museum e persino al notissimo Pergamon

Nessuno si è accorto di niente ma qualcuno è riuscito a imbrattare i reperti antichi dell'Isola dei Musei di Berlino. Uno sfregio clamoroso al cuore del patrimonio artistico della capitale, che adesso imbarazza tutti: dagli addetti alla sicurezza, fino ai vertici della politica. Con molti giorni di ritardo, si è venuto infatti a sapere che la sera del 3 ottobre è stata trovata una sostanza oleosa su ben 63 pezzi esposti nei più importanti musei: l'Alte National Galerie, il Neues Museum (dove incanta il pubblico la celebre "Nefertite") e il notissimo Pergamon.

I danni saranno quantificabili soltanto dopo il restauro, ma la sottosegretaria di Stato alla Cultura Monika Gruetters ha aperto alla "fondata speranza che si possano rimuovere".

 

Chi ha agito ha usato uno spray, e l'olio ha impregnato la pietra di alcune sculture, due sarcofagi egizi (fra cui quello del profeta Ahmose) e delle cornici (non le tele come si era inizialmente temuto) di alcuni dipinti.

 

Ma cosa abbia spinto a un attacco del genere, fra l'altro proprio nella giornata delle celebrazioni dei 30 anni della Riunificazione tedesca, resta per ora tutto da chiarire. Non c'è alcuna rivendicazione scritta, e dall'unica telecamera che ha fornito delle immagini "non è stato possibile riconoscere nulla", ha spiegato per gli inquirenti in conferenza stampa Carsten Pfohl, direttore del Kriminalamt locale.

 

S'indaga dunque a tutto campo, e per ora non si azzardano spiegazioni. Il clamoroso attacco ha fatto sollevare intanto l'attenzione sulle folli dichiarazioni di un cuoco vegano di estrema destra, che da tempo indica nel Museo di Pergamo un bersaglio da attaccare: qui vi sarebbe "il trono di Satana", ha scritto Attila Hildmann ad agosto, "centro dei satanisti e dei criminali del Covid".

 

Proprio l'isola dei Musei - dal 1999 patrimonio culturale dell'Unesco - è stata frequentata parecchio dai manifestanti dei cortei contro le misure del Covid. La pista del complottista, di cui ha raccontato diffusamente la Bild, non troverebbe molto credito però, almeno per ora.

 

Mentre lo scandalo dei tesori antichi imbrattati riapre la questione della sicurezza dei monumenti berlinesi e mette seriamente a disagio i responsabili della Fondazione dei possedimenti prussiani, responsabile dei musei.

 

"Ho scritto al presidente di presentare al consiglio della fondazione un rapporto - ha annunciato Gruetters. - Bisogna chiarire come sia stato possibile che siano stati fatti così tanti danni senza che nessuno se ne sia accorto e come evitare che questo accada di nuovo in futuro".

 

La ministra ha parlato di un attacco "sferrato contro il patrimonio artistico e culturale e le regole del vivere civile". Del resto è ancora vivido il ricordo del furto della moneta d'oro da 100 chili, portata via dal Bode Museum - altra perla dell'arcipelago museale del quartiere di Mitte - il 27 marzo del 2017. Le fu attribuito un valore di 3,75 milioni di euro, e non e' stata piu' ritrovata. I ladri in quel caso entrarono da una finestra.

 

Per ora, 650 dei tremila visitatori del 3 ottobre scorso sono stati raggiunti dai titolari dell'inchiesta, con la preghiera di dare un contributo per chiarire l'enigma. Gli altri resteranno probabilmente irreperibili, dal momento che non era richiesto che si lasciassero i propri dati a chi ha comprato il biglietto all'ingresso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali