FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Papa Francesco in Iraq: "Qui le donne sono più forti di soprusi e ferite, siano rispettate e tutelate. E il terrorismo non ha l'ultima parola"

Il pontefice saluta l'Iraq: "Rimarrà sempre nel mio cuore". Nell'ex roccaforte Isis: "Paese colpito da una tempesta disumana". A Mosul prega per le vittime della guerra e a Erbil dice: "Qui la Chiesa è viva"

Nel corso della sua visita in Iraq, Papa Francesco è arrivato a Mosul, ex roccaforte dell'Isis, dove ha guidato la preghiera per le vittime della guerra e del terrorismo a Hosh al-Bieaa, Piazza delle Chiese. "Riaffermiamo la nostra convinzione che la fraternità è più forte del fratricidio". Poi da Qaraqosh: "Grazie di cuore a tutte le madri e le donne di questo Paese, donne coraggiose che continuano a donare vita nonostante i soprusi e le ferite".

A Mosul - "Questa convinzione - ha proseguito il Papa - parla con voce più eloquente di quella dell`odio e della violenza; e mai potrà essere soffocata nel sangue versato da coloro che pervertono il nome di Dio percorrendo strade di distruzione. Oggi eleviamo le nostre voci in preghiera a Dio Onnipotente per tutte le vittime della guerra e dei conflitti armati. Qui a Mosul le tragiche conseguenze della guerra e delle ostilità sono fin troppo evidenti. Com'è crudele che questo Paese, culla di civiltà, sia stato colpito da una tempesta così disumana, con antichi luoghi di culto distrutti e migliaia e migliaia di persone - musulmani, cristiani, yazidi - che sono stati annientati crudelmente per il terrorismo e altri sfollati con la forza o uccisi". 

 

 

Persecuzioni contro i cristiani - Il Papa ha poi incontra a Qaraqosh la comunità cristiana che nel 2014 fu scacciata via dall'Isis. Bergoglio ha quindi ricordato anche le persecuzioni contro i cristiani: "Il tragico ridursi dei discepoli di Cristo, qui e in tutto il Medio Oriente, è un danno incalcolabile non solo per le persone e le comunità interessate, ma per la stessa società che si lasciano alle spalle", ha detto il Papa. "Un tessuto culturale e religioso così ricco di diversità è indebolito dalla perdita di uno qualsiasi dei suoi membri, per quanto piccolo. Come in uno dei vostri tappeti artistici, un piccolo filo strappato può danneggiare l'insieme".

 

Papa Francesco in Iraq: da Mosul a Erbil le preghiere per le vittime della guerra

 

 

"Non smettete di sognare" - "Sicuramente ci sono momenti in cui la fede può vacillare, quando sembra che Dio non veda e non agisca. Questo per voi era vero nei giorni più bui della guerra, ed è vero anche in questi giorni di crisi sanitaria globale e di grande insicurezza. In questi momenti, ricordate che Gesù è al vostro fianco. Non smettete di sognare! Non arrendetevi, non perdete la speranza!", ha ribadito il pontefice.

 

"L'ultima parola non spetta al terrorismo" - "Con grande tristezza, ci guardiamo attorno e vediamo altri segni, i segni del potere distruttivo della violenza, dell'odio e della guerra. Quante cose sono state distrutte! E quanto dev'essere ricostruito! Questo nostro incontro dimostra che il terrorismo e la morte non hanno mai l'ultima parola. L'ultima parola appartiene a Dio", "anche in mezzo alle devastazioni del terrorismo e della guerra, possiamo vedere, con gli occhi della fede, il trionfo della vita sulla morte", ha detto il papa a Qaraqosh.

 

Il messaggio alle donne e per le donne - Il messaggio più potente poi, papa Francesco lo ha rivolto alle donne: "Le madri consolano, confortano, danno vita. E vorrei dire grazie di cuore a tutte le madri e le donne di questo Paese, donne coraggiose che continuano a donare vita nonostante i soprusi e le ferite. Che le donne siano rispettate e tutelate! Che vengano loro date attenzione e opportunità", ha detto.

 

A Erbil: "La Chiesa in Iraq è viva" - Il Santo Padre ha chiuso il suo viaggio celebrando una messa nello stadio di Erbil, nel Kurdistan iracheno, dicendo: "La Chiesa in Iraq, con la grazia di Dio, ha fatto e sta facendo molto per proclamare questa meravigliosa sapienza della croce diffondendo la misericordia e il perdono di Cristo, specialmente verso i più bisognosi. Anche in mezzo a grande povertà e difficoltà, molti di voi hanno generosamente offerto aiuto concreto e solidarietà ai poveri e ai sofferenti". 

 

"L'Iraq rimarrà sempre nel mio cuore" - Prima di salutare il Paese, Francesco ha detto: "L'Iraq rimarrà sempre con me, nel mio cuore. Chiedo a tutti voi di lavorare insieme in unità per un futuro di pace e prosperità che non lasci indietro nessuno e non discrimini nessuno. Prego che i membri delle varie comunità religiose, insieme a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, cooperino per stringere legami di fraternità e solidarietà al servizio del bene comune e della pace. Salam, salam, salam! Shukràn (grazie), Dio vi benedica. Dio benedica l'Iraq. Allah ma'akumi (Dio sia con voi)". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali