FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Russia, il giorno della protesta per Navalny: scontri con la polizia e arresti | Fermata anche la moglie Yulia

Più di mille persone fermate in tutto il Paese, tensione a Mosca

In Russia è il giorno della protesta contro l'arresto dell'oppositore Aleksej Navalny. Alta tensione a Mosca, dove vengono segnalati scontri tra i manifestanti e la polizia. Sono oltre un migliaio, secondo le Ong, le persone fermate in tutto il Paese. Gli agenti trattengono chi ha in mano cartelli con slogan pro-opposizione come "Libertà per i prigionieri politici". Fermata e poi rilasciata anche la moglie di Navalny.

Fermati anche ragazzini In centro a Mosca un giornalista dell'agenzia Ansa è stato testimone del fermo di un ragazzino di circa 12 anni. I manifestanti urlano alla polizia "Fascisti, fascisti". Fermata anche la dissidente Liubov Sobol, una delle più strette collaboratrici di Navalny. Sobol era stata fermata anche giovedì e multata per 250mila rubli (circa 2.750 euro) da un tribunale di Mosca. 

 

Manifestazioni in tutto il Paese Le proteste sono iniziate da ore in Russia e hanno preso l'avvio nel Far East russo e in Siberia nonostante le temperature vicine a 50 gradi sotto lo zero e il divieto di assembramenti legato all'emergenza Covid-19. Secondo i media locali e le ong si contano già più di mille arresti.

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali