FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Israele, Netanyahu: "Migranti africani trasferiti in Paesi Occidente" | Dopo le critiche, il premier ci ripensa

La Farnesina aveva subito smentito il leader israeliano, che aveva parlato anche dʼItalia. Lʼaccordo con lʼOnu, quindi, è per ora sospeso

Israele, Netanyahu: "Migranti africani trasferiti in Paesi Occidente" | Dopo le critiche, il premier ci ripensa

I migranti africani presenti in Israele saranno reinsediati in Paesi occidentali come Italia, Canada e Germania. Lo aveva annunciato il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, sulla base di un accordo raggiunto con l'Onu allo scopo di annullare il controverso piano di espulsioni. Ma dopo le critiche Netanyahu ha annunciato di aver sospeso l'intesa. La Farnesina comunque aveva subito smentito: "Non c'è alcun accordo con l'Italia".

"Ho deciso di sospendere l'accordo" - L'accordo israeliano con l'Onu prevedeva la partenza di almeno 16.250 africani verso l'Occidente (6mila nel primo anno). "Ho deciso di sospendere l'applicazione di questo accordo e di ripensarne i termini", ha scritto Netanyahu sulla sua pagina Facebook, spiegando di aver letto attentamente le critiche contro questa intesa.

Unhcr: "Per l'accordo serve l'ok del governo" - "Solamente previo accordo con il governo italiano potrebbero arrivare in Italia alcuni rifugiati provenienti da Israele solo a titolo di ricongiungimento familiare con parenti che già vivono qui, si tratta in sostanza di pochissimi e specifici casi", aveva precisato Carlotta Sami, portavoce dell'Unhcr per i rifugiati nei Paesi del Sud Europa, spiegando in quale misura l'Italia avrebbe potuto essere "toccata" dall'accordo.

Il 3 gennaio Netanyahu aveva annunciato un programma in base al quale circa 38mila migranti entrati illegalmente in Israele, perlopiù eritrei e sudanesi, avrebbero dovuto lasciare il Paese e, in caso di rifiuto, avrebbero rischiato il carcere. Dal 4 febbraio le autorità avevano cominciato a notificare ai profughi, tramite lettere, che avevano tempo fino alla fine di marzo per lasciare volontariamente lo Stato Ebraico.

Dal momento che Israele riconosceva tacitamente che era troppo pericoloso rimpatriare sudanesi ed eritrei nei loro Paesi di origine, aveva offerto di ricollocarli in altri Paesi africani, come Ruanda e Uganda. Secondo i dati del ministero dell'Interno, attualmente vivono in Israele circa 42mila migranti, la metà dei quali bambini, donne o uomini con famiglie, che non rischiano però rimpatri a breve.

Il piano di espulsioni aveva attirato le critiche dell'Unhcr, come pure degli attivisti per i diritti umani. La presenza dei migranti in Israele è una questione politica, con Netanyahu che li ha sempre definiti non rifugiati, "ma infiltrati illegali".

Netanyahu in visita nei rioni di Tel Aviv che chiedono espulsioni - Martedì 3 aprile, il premier Netanyahu e il ministro dell'Interno Arie Deri hanno visitato un rione povero di Tel Aviv per incontrare rappresentanti degli abitanti che invocano l'espulsione in massa dei migranti e protestano contro l'intesa tra Israele e l'Alto commissariato Onu per i rifugiati. Il premier vuole sentire gli umori della popolazione dei rioni dove è più marcata la presenza dei migranti africani per decidere come muoversi dopo le polemiche scatenate dal suo annuncio sui ricollocamenti nei Paesi occidentali e il conseguente dietrofront.

Il piano per il reinsediamento dei migranti da Israele

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali