FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, Ue: meno arrivi, agire su rimpatri e gestione frontiere | Aiuti allʼItalia continueranno

Nel 2017 sono diminuiti del 30% gli sbarchi. Sbloccati 3 miliardi di euro anche per la Turchia

Migranti, Ue: meno arrivi, agire su rimpatri e gestione frontiere | Aiuti all'Italia continueranno

Con la netta diminuzione degli arrivi di migranti in Europa "i tempi sono maturi" per "agire di più e più velocemente su rimpatri, gestione delle frontiere e canali legali, in particolare i reinsediamenti da Africa ma anche Turchia". E' quanto ha detto il commissario Ue alla Migrazione Dimitris Avramopoulos facendo il periodico bilancio sull'attuazione dell'Agenda europea. Nel 2017 gli arrivi sono scesi del 30% rispetto all'anno pre-crisi 2014.

"Con una riduzione degli arrivi quasi del 30% rispetto al 2014, l'anno precedente la crisi, è giunto il momento di accelerare e intensificare i nostri sforzi a tutti i livelli. Non dobbiamo rallentare. Non possiamo riposarci sugli allori proprio adesso. Sono necessarie altre, e più rapide, azioni in materia di rimpatrio, gestione delle frontiere e canali legali, in particolare il reinsediamento dall'Africa ma anche dalla Turchia." Lo ha dichiarato Dimitris Avramopoulos, commissario europeo per la Migrazione, secondo quanto riporta una nota. I dati forniti in relazione parlano di 205mila attraversamenti non autorizzati delle frontiere nel 2017, con una riduzione delle persone arrivate nell'Unione europea del 28% rispetto al 2014, l'anno precedente la crisi. La pressione sui sistemi migratori nazionali, pur diminuendo, è rimasta a un livello elevato, con 685mila domande di asilo presentate nel 2017.

"Continueremo ad aiutare Italia" - "Siamo qui per fornire sostegno all'Italia" sui migranti, "quindi posso assicurare che continueremo a farlo" qualsiasi sia stata "la scelta politica" dei cittadini italiani alle ultime elezioni su cui "non intendo interferire". Lo ha detto il commissario Ue alla migrazione Dimitris Avramopoulos sulla prospettiva di un governo guidato dalla Lega in Italia. "Per la politica migratoria Ue contiamo molto sul ruolo dell'Italia, perché non è un piccolo stato membro e i suoi cittadini sono tra i più europeisti". Ha aggiunto Avramopoulos sottolineando l'importanza del contributo italiano in particolare per la riforma di Dublino. "Sono convinto che l'Italia continuerà a sostenere i nostri sforzi", perché avere un nuovo sistema Ue di asilo che funzioni "è utile sia per l'Italia che per tutti gli altri stati membri". La scadenza per trovare un'intesa, ha ricordato il commissario, "resta entro fine giugno".

Ue lancia seconda tranche aiuti da 3 mld a Turchia - La Commissione Ue ha lanciato la mobilitazione della seconda tranche da 3 miliardi per attuare l'accordo sui migranti con la Turchia, dopo che la prima è stata pienamente utilizzata entro fine 2017, alla luce del fatto che continua a funzionare con una riduzione degli arrivi del 97% rispetto al momento della crisi. Lo ha reso noto la Commissione Ue.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali