FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

TEMPO REALE

Israele: "Decine di combattenti di Hamas si sono arresi" | Biden a Netanyahu: "Necessario proteggere i civili di Gaza"

La Casa Bianca ha affermato che Israele e Hamas non sono vicini all'accordo su una nuova pausa umanitaria

Fotogallery - Miliziani di Hamas nudi sui camion israeliani

Decine di miliziani di Hamas si sarebbero arresi alle forze di difesa israeliane (Idf) nel nord della Striscia di Gaza. Lo riportano i media israeliani. Secondo Ynet dall'enclave sono arrivate foto di numerosi miliziani nudi e costretti a restare accanto ai soldati dell'Idf che li sorvegliano. Le foto sono state scattate negli ultimi giorni e molti dei miliziani arrestati si sarebbero consegnati spontaneamente ai militari israeliani.

Leggi Tutto Leggi Meno

La guerra in Medioriente giunge al giorno 62.

Decine di combattenti di Hamas si sono arresi all'esercito israeliano nel nord della Striscia di Gaza. Lo ha riferito Haaretz. Commentando la notizia, il portavoce militare di Israele ha detto che "l'esercito ha arrestato e interrogato centinaia di sospetti terroristi: molti di loro si sono arresi e si sono consegnati". Intanto il presidente americano Biden ha parlato con il premier israeliano Netanyahu per discutere degli ultimi sviluppi: "C'è urgente necessità di proteggere i civili palestinesi a Gaza". La Casa Bianca ha affermato che Israele e Hamas non sono vicini all'accordo su una nuova pausa umanitaria.

  • 07 dic

    Biden a Netanyahu: "Necessario proteggere i civili"

    C'è "urgente necessità di proteggere i civili palestinesi" a Gaza. Lo ha sottolineato Joe Biden in una telefonata col premier israeliano Benyamin Netanyahu, secondo quanto riportato dalla Casa Bianca.

  • 07 dic

    Usa: "Non c'è in vista un'altra tregua umanitaria a Gaza"

    La Casa Bianca ha affermato che Israele e Hamas non sono vicini all'accordo su una nuova pausa umanitaria. "Ne discutiamo letteralmente ogni giorno", ha detto il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale americana, John Kirby, in un briefing sottolineando che "non siamo vicini a siglare un altro accordo per una pausa umanitaria, né ci sono alcune notizie riguardo al ritorno degli ostaggi" nelle mani di Hamas.

  • 07 dic

    Idf: "Arrestati centinaia sospetti terroristi, anche arresi"

    L'esercito e lo Shin Bet "hanno arrestato e interrogato" nel nord della Striscia "centinaia di sospetti terroristi: molti di loro anche nell'ultima giornata si sono arresi e si sono consegnati". Lo ha detto il portavoce militare Daniel Hagari riferendosi alle notizie - e ai video - diffusi sulla vicenda dai media israeliani. "Le informazioni di intelligence che ne ricaviamo anche durante gli interrogatori - ha spiegato -consentono di proseguire il combattimento e di abbattere Hamas. Controlliamo chi è connesso ad Hamas e chi no, teniamo detenuti tutti e - ha aggiunto - li interroghiamo".

  • 07 dic

    Usa: ripartono i voli dei droni su Gaza per gli ostaggi

    Gli Stati Uniti hanno ripreso i voli di droni su Gaza a sostegno degli sforzi di Israele per il recupero degli ostaggi nelle mani di Hamas. Lo ha annunciato un portavoce del Pentagono, dopo averli interrotti il mese scorso nell'ambito di una tregua di una settimana tra Israele e il gruppo armato palestinese.

  • 07 dic

    Biden chiama Netanyahu per discutere di Gaza

    Joe Biden ha parlato con il premier israeliano Benyamin Netanyahu per discutere degli ultimi sviluppi a Gaza. Lo riferisce la Casa Bianca.

  • 07 dic

    Uccisi altri due soldati israeliani, anche il figlio del ministro della Guerra

    L'esercito ha annunciato la morte di altri due soldati israeliani in combattimento a Gaza. Tra questi c'è Gal Meir Eisenkot, figlio 25enne di Gadi Eisenkot, ex capo di Stato maggiore dell'esercito e attuale ministro del Gabinetto di guerra. Il secondo soldato si chiama Jonathan David Deitch, 34 anni. Entrambi erano riservisti. Secondo le stime dei media, il totale dei soldati morti in combattimento dall'avvio delle operazioni di terra nella Striscia è salito a 89.

  • 07 dic

    Israele: "Uccisi 2 alti comandanti di Hamas a Gaza"

    L'esercito israeliano e lo Shin Bet hanno fatto sapere oggi che due alti dirigenti di Hamas sono stati uccisi alcuni giorni fa in un raid aereo in un Centro di comando. Si tratta di Abdel Aziz Rantisi dell'unità dell'Intelligence militare che era responsabile "delle informazioni sul campo nella Striscia e aveva partecipato alla programmazione dell'attacco del 7 ottobre". Insieme a lui è stato ucciso Ahmed Aiush, "un operativo terrorista dell'unità osservazione del Battaglione 'Carrara'".
     

  • 07 dic

    Netanyahu: "Se Hezbollah ci fa la guerra, Beirut diventerà come Gaza City"

    Se Hezbollah cominciasse una guerra con Israele, "trasformerebbe Beirut e il Libano meridionale in Gaza City e Khan Yunis". È l'avvertimento lanciato dal premier israeliano Benjamin Netanyahu, il quale ha sottolineato la determinazione dei soldati a combattere "per completare il compito e riportare sicurezza non solo al sud, ma anche al nord".

  • 07 dic

    Israele a caccia del capo politico di Hamas - VIDEO

  • 07 dic

    Quotidiano Haaretz: "Decine di combattenti di Hamas si sono arresi"

    Decine di combattenti di Hamas si sono arresi all'esercito israeliano nel nord della Striscia di Gaza. Lo ha riferito il quotidiano Haaretz. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali