FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Hong Kong, il dissidente Joshua Wong non può correre alla elezioni

Lʼattivista "squalificato" poiché la sua candidatura non rispetta i requisiti di lealtà allʼex colonia. Lui attacca: "Governo censura". Si temono nuove proteste. Intanto la Lam nega frizioni con Pechino

Il dissidente Joshua Wong è stato bandito dalle prossime elezioni distrettuali a Hong Kong che si terranno il 24 novembre. L'ex leader del movimento degli ombrelli  del 2014 e tra gli attivisti più in vista delle proteste che stanno scuotendo l'ex colonia inglese da quasi 5 mesi non potrà quindi candidarsi poiché non ha i requisiti. Per il governo infatti un candidato deve sostenere la Basic Law ed esprimere lealtà a Hong Kong. Lui attacca: "Censura".

"Condanno fermamente il fatto che il governo sia impegnato nel filtraggio politico e nella censura e mi privi dei miei diritti politici", ha scritto l'attivista in una dichiarazione sulla sua pagina Facebook. Adesso si temono nuove proteste.

 

La governatrice Lam nega che Pechino la voglia sostituire - Intanto, la governatrice Carrie Lam nega l'ipotesi secondo cui Pechino vorrebbe sostituirla a marzo, in base a quanto riportato dal Financial Times. In conferenza stampa, la Lam ha parlato di rumor e ricordato la smentita del ministero degli Esteri cinese. "Il governo centrale è stato molto d'aiuto e resta fiducioso che io, il mio team e il governo di Hong Kong, in particolare la polizia, saremo in grado di gestire la situazione, porre fine alle violenze e riportare la normalità il prima possibile".

 

I rumor sulla destituzione della Lam dopo il ritiro della legge sull'estradizione - Secondo i rumor la Cina sta mettendo a punto un piano per rimuovere a marzo 2020 la governatrice di Hong Kong, con l'obiettivo di non far apparire l'operazione come una resa alle richieste venute dal basso, dalle proteste anche violente che da quasi 5 mesi stanno infiammando l'ex colonia britannica, scoppiate con la legge sull'estradizione verso Pechino. Legge che il governo ha ritirato formalmente. Pechino pensa quindi di procedere a una nomina ad interim, se il presidente Xi Jinping deciderà di farlo.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali