FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gb, giudice ordina di staccare la spina a un 12enne in coma contro la volontà della famiglia

Al Royal London Hospital hanno raccolto elementi sufficienti a sostegno della convinzione secondo cui una diagnosi irreversibile di morte delle cellule cerebrali appare "altamente probabile"

Archie Battersbee
Dal Web

Nuovo controverso caso giudiziario nel Regno Unito sulla decisione di staccare la spina a un bambino in coma contro la volontà della famiglia.

Stavolta è stato un giudice dell'Alta Corte di Londra a decretare - almeno in primo grado e in attesa di ricorso - il destino di un minorenne le cui speranze di ripresa sono considerate dai medici quasi pari a zero. Il giudice ha stabilito che per

Archie Battersbee, 12 anni

- trovato privo di conoscenza in casa a Southend, nell'Essex, il 7 aprile - non c’è più nulla da fare. E che l'equipe del Royal London Hospital che lo ha in cura abbia presentato elementi sufficienti a sostegno della convinzione secondo cui una diagnosi irreversibile di morte delle cellule cerebrali appare a questo punto "altamente probabile".


Un 

verdetto

che dà ragione ai sanitari, rivoltisi alla magistratura di fronte alla contrarietà dei familiari. Ma che

la madre di Archie, Hollie Dance, non accetta

, annunciando con il sostegno dei suoi avvocati, di diverse associazioni e di numerose persone comuni d'essere decisa a presentare appello.


 


"Sono devastata ed estremamente delusa - ha detto - dalla sentenza emessa oggi dopo settimane di battaglia legale e intendo restare accanto al letto di mio figlio. Il mio istinto di mamma mi dice che Archie è ancora qui". "Non basta una diagnosi di morte probabile", ha poi aggiunto Hollie, dicendosi "disgustata dall'atteggiamento del giudice (di primo grado) e dei medici", visto che "

il cuore di Archie batte ancora

" e lui "

mi ha stretto la mano

".


 


Archie Battersbee
Facebook


 


Diversi casi analoghi recenti altrettanto gravi si sono conclusi, in base alla normativa e a una prassi ormai consolidata nel Regno, con la conferma finale di sentenze favorevoli agli ospedali che volevano staccare la spina a bambini o neonati anche contro l'opposizione irriducibile di genitori o altri parenti.


 



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali