FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Francia, continua la protesta dei gilet gialli, ma Parigi non cede: "La rotta non cambia"

"Siamo allʼascolto, abbiamo sentito la sofferenza dei francesi, di quelli che si sentono declassati - ha detto il primo ministro Edouard Philippe -, ma la carbon tax è confermata"

Francia, continua la protesta dei gilet gialli, ma Parigi non cede: "La rotta non cambia"

Domenica di tensione in Francia dove è proseguita la mobilitazione dei gilet gialli contro il caro-petrolio. I manifestanti hanno continuato la protesta bloccando strade e soprattutto autostrade in oltre 150 punti. Un morto, 409 feriti (di cui 14 gravi) e 282 arresti è il bilancio degli scontri di sabato con le forze dell'ordine. Ma Parigi tira dritto e conferma l'entrata in vigore della tassa "ecologica" sul carburante.

Philippe: "Siamo all'ascolto, ma la rotta non cambia" - Nel silenzio di Emmanuel Macron, in visita in Germania, è stato il primo ministro Edouard Philippe a prendere la parola per spiegare come andranno ora avanti il presidente e il suo governo. "Siamo all'ascolto, abbiamo sentito la sofferenza dei francesi, di quelli che si sentono declassati", ma "la rotta che abbiamo fissato la manterremo", ha detto infatti, spiegando che il governo "accompagnerà'" i francesi nelle scelte, anche difficili, che sono state fatte "per il bene della Francia". Ma la carbon tax "è confermata".

"Capisco l'esasperazione fiscale - ha proseguito Philippe in diretta al tg di France 2 - ma non si cambia rotta quando si alza il vento". Alla domanda sulla tassa-carbone, all'origine della rabbia dei gilet gialli, ha escluso ogni arretramento: "Teniamo duro non per rompere le scatole ai francesi, ma perché siamo convinti che le tasse debbano pesare più sul carbonio che sul lavoro".

Ancora disagi, almeno 150 blocchi stradali - Il giorno dopo l'esordio sul campo del movimento nato su internet contro il caro-carburante continuano i disagi: i gilet gialli hanno ancora bloccato le auto in 150 punti, quasi tutte autostrade, soprattutto del nord. A Caen, in Normandia, è intervenuta la polizia per far sgomberare il blocco stradale che impediva totalmente lo scorrimento. A Saint-Quentin, a nord di Parigi, un automobilista bloccato dai manifestanti ha forzato lo sbarramento e ha investito uno dei gilet gialli, trascinandolo per metri. E' ricoverato in gravi condizioni. >Analogo episodio a Void-Vacon, vicino a Nancy, con 3 manifestanti investiti da un automobilista handicappato preso dal panico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali