FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Francia, rivolta contro il caro benzina: Paese nel caos | Una vittima tra i "gilet gialli", oltre 200 feriti: 6 gravi

Caos a Parigi, con diversi manifestanti respinti dalla polizia a pochi passi dallʼEliseo. Sulla tangenziale di Besancon, un automobilista esasperato dal blocco ha fatto inversione di marcia provocando un incidente con due feriti

Sabato ad alta tensione in Francia: in tutto il Paese si stanno svolgendo più di mille manifestazioni contro le “politiche anti-auto” di Macron, tra cui l'aumento del prezzo del carburante, ma anche l'abbassamento dei limiti di velocità e l'aumento di dispositivi di rilevamento. In strada sono scesi più di 280mila manifestanti che hanno allestito circa 2mila blocchi stradali. Nelle manifestazioni ha perso la vita una donna e oltre 200 persone sono rimaste ferite: 6 in modo grave. I dimostranti fanno parte di un movimento apolitico e sono scesi in strada indossando gilet gialli: la manifestazione è chiamata infatti "gilets jaunes".

La donna che ha perso la vita è una manifestante che è stata travolta e uccisa nella zona della Savoia da un'auto guidata da un'altra donna che stava portando la figlia in ospedale.

Oltre 200 i feriti, di cui 6 gravi - Secondo il nuovo bilancio diffuso dal ministero dell'Interno francese sono 227 i feriti, dei quali 6 gravi. I fermati sono 117 e per 73 di loro il fermo è stato confermato e restano per questa sera in stato di detenzione. I blocchi stradali - meglio definiti come "punti di tensione" - sono stati oltre 2.000.

Manifestanti respinti dalla zona dell'Eliseo - Caos anche a Parigi dove i manifestanti sono arrivati a un centinaio di metri dall'Eliseo per portare la contestazione sotto le finestre del presidente Emmanuel Macron. I "gilet gialli" sono stati respinti dalla polizia in assetto antisommossa. Dal fondo della rue du Faubourg Saint-Honoré, dove sorge il palazzo presidenziale, sono stati lanciati dalla polizia alcuni gas lacrimogeni. I manifestanti sono stati respinti verso place de la Concorde.

Parigi, i "gilet gialli" protestano contro il caro carburante

Incidente a Besancon, due feriti - Altri incidenti sono avvenuti nel nord, con qualche ferito. Sulla tangenziale di Besancon, nell'est, un automobilista esasperato dal blocco stradale ha fatto inversione di marcia provocando un incidente con due feriti.

Tensione nei pressi del Monte Bianco - Le forze dell'ordine hanno inoltre lanciato gas lacrimogeni a poche centinaia di metri dal traforo del Monte Bianco, tra la Francia e l'Italia, per sgomberare alcune decine di manifestanti che bloccavano completamente l'accesso al tunnel. L'azione, che ha provocato un'ondata di proteste e panico, è stata provocata dal blocco filtrante dei camion e delle auto che, con il passare delle ore, era diventato totale. A quel punto, come da istruzioni del ministero dell'Interno, la polizia è intervenuta.

Le motivazioni delle manifestazioni - I "gilet gialli" sono un movimento orizzontale che si è organizzato sulle reti sociali per mobilitarsi indossando un gilet giallo e bloccando la circolazione contro un aumento del prezzo del diesel e della benzina, deciso dal governo per diminuire le emissioni di CO2. Il governo francese ha detto che avrebbe garantito la libertà ai "Gilet gialli" di manifestare domani in tutta la Francia contro l'aumento dei prezzi dei carburanti, pur avvertendo che bloccare un Paese" non è "evidentemente accettabile".

Francia, la protesta dei "gilet gialli": la mappa dei blocchi

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali